Adolescenti più felici oggi di ieri. Ma gli adulti…

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/12/2015 Aggiornato il 30/12/2015

Un tempo la felicità arrivava solo con l’età matura, oggi invece già da adolescenti le soddisfazioni sono tante e durature. Ma gli adulti, al contrario, sono meno felici

Adolescenti più felici oggi di ieri. Ma gli adulti…

Gli adolescenti di oggi sono più felici di quelli di una volta. Può sembrare strano ma è proprio così. A dirlo è uno studio condotto in California che ha paragonato la vita degli adolescenti di oggi con quella di adolescenti di trent’anni fa, con risultati inaspettati.

Più felici gli adolescenti

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Social Psychological and Personality Science, gli adolescenti e i giovani adulti risultano oggi essere mediamente più felici e soddisfatti dei loro coetanei vissuti trent’anni prima.

Più insoddisfatti gli ultratrentenni

Sempre questo studio evidenzia, però, che gli adulti negli ultimi anni sono diventati, di contro, sempre meno felici. Le ragioni? Secondo gli studiosi le cause sarebbero da ricercare non solo nell’indebolimento dei legami sociali, ma anche nella situazione economica di crisi e recessione e nelle crescenti diseguaglianze dei salari. Tutto questo può avere un impatto maggiore sugli adulti che sugli adolescenti.  

Negli anni, è calata la felicità degli adulti

Lo studio californiano per trarre le sue conclusioni rispetto al fatto che gli adolescenti siano più felici dei loro coetanei vissuti trent’anni fa, ha analizzato le risposte di 1,27 milioni di americani adolescenti e adulti tra il 1972 e il 2014. Alla domanda che è stata posta loro «Sei molto felice, abbastanza felice o non troppo felice?», ecco cosa è emerso dalle risposte: al variare dell’epoca storica – all’aumentare degli anni – diminuisce la felicità media degli adulti e aumenta quella giovanile. Questo  significa, secondo gli esperti, che “le differenze generazionali si sono andate assottigliando e si sta sgretolando l’associazione, un tempo solida e robusta, tra soddisfazione ed età adulta”. 

Giovanissimi più individualisti che sociali

Alla base vi è anche il concetto di individualismo della persona. Siamo di fronte, secondo i ricercatori, a una cultura che tende sempre più verso l’individualismo, che potrebbe favorire proprio i giovani, che risultano essere concentrati su loro stessi. L’età adulta, invece, segna generalmente il superamento dei bisogni individuali verso altri tipi di impegno e interessi. E questo crea problemi di… felicità individuali.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

NESSUNA DIFFERENZA TRA UOMINI E DONNE

Il fenomeno dell’aumento della felicità dei giovani e del decadimento degli adulti riguarda sia le donne sia gli uomini. La responsabile dello studio, la psicologa Jean M. Twenge della San Diego State University, ha spiegato che «un precedente studio del 2008 aveva attratto molta attenzione per aver rilevato che la felicità delle donne era diminuita rispetto a quella degli uomini. Noi ora abbiamo scoperto che è calata in entrambi i sessi, soprattutto dopo il 2010». 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti