Adolescenti: problemi a schiena e collo per overdose da tablet

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/05/2015 Aggiornato il 26/05/2015

Schiena e collo a rischio per i ragazzi che trascorrono troppe ore col tablet in mano o chattando con lo smartphone. E anche il peso ne risente

Adolescenti: problemi a schiena e collo per overdose da tablet

Mal di schiena e torcicollo in aumento tra gli adolescenti a causa dell’uso eccessivo di tablet e smartphone. La postura assunta dalla testa e dal collo per chattare, digitare sms, postare foto sui profili social, caricare foto e video favorisce, infatti, la comparsa di dolori e contratture. L’aumento di questi disturbi, riportato dalla British chiropractic association, è del 60%. Il numero di ragazzi tra i 16 e i 24 anni che affermano di avere dolori alla schiena e al collo è aumentato dal 28% al 45% in un anno. Quasi un quarto ha dichiarato di soffrirne tutti i giorni.

Troppo tempo on line

La colpa è da attribuire soprattutto all’abuso di internet e al boom dei nuovi social network. Oggi il 93% degli adolescenti si collega a internet dallo smartphone. Secondo un’indagine della Società italiana di pediatria, si è passati dal 42% dei ragazzi che usava regolarmente internet nel 2008 all’attuale 81%.  Tra i tredicenni imperversa WhatsApp: a usarlo sono 8 su 10. Il 42% va su Instagram, il 30% dei maschi e il 37% delle femmine su Ask. Il 23% sceglie Twitter.

La salute ne risente

Per chi trascorre molte ore al pc, i rischi maggiori sono la cervicalgia muscolo-tensiva, che deriva dallo stare per ore con il capo piegato in avanti e le spalle contratte, e la cosiddetta “mouse arm syndrome”, derivante dall’utilizzo eccessivo del mouse. Una ricerca condotta a New York sottolinea che, più si sta chini in avanti su smartphone e tablet, maggiori sono i rischi per collo e schiena.

Interrompere spesso

Secondo gli esperti, per evitare questi problemi è fondamentale fare pause frequenti durante l’utilizzo dei dispositivi digitali o la visione di un video al pc, per fare passeggiate o semplicemente sgranchirsi le gambe. Quando si usano smartphone o tablet, è bene non chinare la testa in avanti, ma tenerli all’altezza degli occhi. Al computer, attenzione a mantenere una corretta distanza, che dipende dalla dimensione del monitor (tra i 50 e gli 80 cm).

Allarme obesità

Le ore trascorse davanti a un display favoriscono anche il sovrappeso (con conseguente peggioramento dei problemi alla schiena). Il tempo trascorso chattando, navigando e postando foto infatti è sottratto all’attività fisica, in più la posizione rilassata e la visione di siti, video, film e pubblicità rimandanti al cibo predispongono allo sgranocchiamento continuo di snack e dolci.

 

 

 

lo sapevi che?

L’Italia, con oltre 21 milioni di utenti, è il Paese più social-dipendente al mondo, con oltre l’86% di navigatori.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti