Adolescenti: tanti amici, ma più soli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/02/2017 Aggiornato il 10/02/2017

Rispetto a qualche anno fa, gli adolescenti di oggi si circondano di un numero maggiore di amici, ma più che lo spirito di gruppo si alimenta la competizione. Il pericoloso rifugio nel virtuale

Adolescenti: tanti amici, ma più soli

Gruppo di conoscenze più ampio, ma legami di amicizia più deboli e competizione in aumento. Gli adolescenti di oggi hanno un gruppo di amici più numeroso rispetto a pochi anni fa, ma all’interno del gruppo la sensazione che ciascun membro prova non è più quella di un “porto sicuro”: il gruppo di conoscenze si è allargato, portando con sé indebolimento dei legami di amicizia, livellamento degli affetti e aumento della competizione.

2.000 ragazzini delle medie

È quanto emerge da un’indagine realizzata dalla Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima) e dall’Associazione no-profit Laboratorio Adolescenza su campione nazionale di quasi 2.000 studenti di terza media.

Più amici ma…

I dati raccolti dai ricercatori, confrontati con  quelli di un’indagine simile condotta nel 2012, hanno messo in evidenza la tendenza degli adolescenti di oggi a frequentare gruppi numerosi di coetanei anziché gruppi ristretti. Dallo studio emerge anche che è in crescita la percentuale dei ragazzi che dichiarano di fare cose che non vorrebbero per adeguarsi alle decisioni del gruppo.

…  legami più conflittuali

Rispetto ai dati del 2012, emergono le difficoltà dei nostri ragazzi a relazionarsi con i coetanei e risultano in aumento dinamiche quali sentirsi spesso a disagio, fare costantemente confronti con gli altri, essere spesso condizionati dal gruppo, sentirsi traditi dagli amici. Come spiega Carlo Buzzi, ordinario di sociologia all’Università di Trento e referente per l’area sociologica di Laboratorio Adolescenza, “il gruppo dei pari sta perdendo la sua preziosa connotazione di “porto sicuro” per diventare un luogo competitivo, nel quale ci si deve confrontare e difendere”.

Rischio cyberbullismo

Uno scenario così definito, spiegano i ricercatori, è strettamente connesso a un uso massiccio da parte degli adolescenti dei social network, che tendono ad appiattire le relazioni e i legami. E proprio il collegamento tra i comportamenti riguardanti la socialità reale e quella virtuale è un elemento su cui c’è molto – e molto ci sarà in futuro – da riflettere, spiega Piernicola Garofalo, presidente della Società italiana di medicina dell’adolescenza, dal momento che “i ragazzi e le ragazze che mostrano di avere maggiori difficoltà a inserirsi all’interno del gruppo non solo usano i social network in modo più massiccio degli altri alla ricerca di una socialità “altra”, ma sono anche quelli più esposti a rischi come il cyberbullismo (30% contro 17%)”.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Gli adolescenti con genitori stranieri rispetto ai coetanei con mamma e papà italiani sono maggiormente vittime di episodi di cyberbullismo (28% contro 19%).

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti