Adolescenti troppo sedentari? Sì, in tutto il mondo!

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 15/01/2020 Aggiornato il 15/01/2020

L’80% dei ragazzi non pratica l’ora di attività fisica al giorno raccomandata dagli esperti, divenendo nei fatti adolescenti troppo sedentari. I peggiori? Le ragazze!

Adolescenti troppo sedentari? Sì, in tutto il mondo!

Sono nel pieno della vita e dovrebbero essere all’apice della forza, vitalità e voglia di fare. E, invece, i ragazzi di oggi non solo sono spesso demotivati, ma sono anche adolescenti troppo sedentari. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha condotto uno studio da cui è emerso che ben l’80% degli adolescenti scolarizzati di tutto il mondo non fa quell’ora al giorno di attività fisica raccomandata dagli esperti.

Una ricerca in 146 paesi

I ricercatori hanno analizzato i dati di 1,6 milioni di studenti di 146 paesi, riferiti al periodo 2001-2016. In particolare, hanno esaminato le informazioni relative allo stile di vita e all’abitudine o meno di muoversi e di praticare sport. Lo scopo era capire se i ragazzi rispettano la raccomandazione di svolgere almeno un’ora di attività fisica al giorno. Lo studio è stato poi pubblicato sulla rivista scientifica Lancet Child & Adolescent Health.

Le ragazze sono più pigre

Dall’analisi dei dati raccolti, si è visto che le più pigre in assoluto sono le ragazze. Il rapporto ha rilevato, infatti, che nella fascia d’età 11-17 anni non facevano sufficiente attività fisica l’85% delle ragazze e il 78% dei ragazzi. Le uniche eccezioni sono rappresentate da Tonga, Samoa, Afghanistan e Zambia: in questi quattro stati non c’era una differenza significativa fra i due sessi nell’abitudine a fare sport.

La differenza tra i sessi a volte è notevole

Nel 2016, il gap fra ragazzi e ragazze nel rispetto della raccomandazione relativa all’ora giornaliera di attività fisica è stato particolarmente elevato. Infatti, tra maschi e femmine c’era una differenza di oltre il 10% in 43 Paesi su 146 Paesi, pari al 29% del totale. Il divario maggiore è stato registrato negli Stati Uniti e in Irlanda, dove si sono superati i 15 punti percentuali. Gli autori del rapporto hanno concluso dicendo che occorre intervenire per migliorare la situazione. “Servono misure urgenti per rafforzare l’attività fisica, in particolare per incitare le ragazze a fare attività e incoraggiarle a continuare una volta che hanno preso questa via” sono state le loro parole.

 

 

UN CONSIGLIO

Anche i genitori hanno un ruolo importante nell’incoraggiare i figli adolescenti a svolgere un’ora di attività fisica al giorno. Dovrebbero spronarli, senza forzarli, anche con il buon esempio e magari suggerendo attività piacevoli da fare con gli amici, come una gita in bicicletta, un corso di arrampicata, un’escursione in montagna.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti