La prima volta a 16 anni, ma senza parlarne a casa!

Laura Raimondi
A cura di Laura Raimondi
Pubblicato il 12/11/2018 Aggiornato il 12/11/2018

Parlare con i genitori dei temi riguardanti la sessualità, come la prima volta, è molto difficile per gli adolescenti italiani, che preferirebbero fosse la scuola a occuparsi di educazione sessuale

La prima volta a 16 anni, ma senza parlarne a casa!

Secondo un recente rapporto del ministero della Salute sulla salute riproduttiva, la cosiddetta prima volta in Italia avviene in media durante l’adolescenza, a 16-17 anni. Si tratta di un’età abbastanza tardiva, se confrontata, per esempio, con i dati di un’inchiesta Durex, la famosa azienda produttrice di profilattici, che vedono ai primi posti alcuni paesi europei del Nord, specialmente Islanda, Danimarca, Svezia e Finlandia dove l’età per il primo rapporto sessuale è 13-15 anni.

Il profilattico è il preferito

Per quanto riguarda i metodi contraccettivi utilizzati dagli adolescenti, secondo i dati di un indagine dell’Istituto superiore di sanità, è aumentato nel nostro Paese l’utilizzo del profilattico, usato nel 77% dei casi. In rialzo anche la percentuale di coito interrotto (26%) e del calcolo dei giorni fertili (11%). Rimane invece stabile il 10% di chi non utilizza metodi contraccettivi.

In famiglia non se ne parla

Un altro dato emerge chiaramente: la famiglia non è il luogo dove parlare di sessualità e di prima volta. Solo il 10% affronta questa tematica in maniera approfondita con i famigliari. I ragazzi, infatti, non riescono a dialogare con i genitori dei temi più importanti, quali lo sviluppo sessuale, le malattie sessualmente trasmissibili e i metodi contraccettivi.

Meglio dicuterne a scuola

Dall’indagine è emerso che il 94% dei ragazzi intervistati pensa che la scuola dovrebbe occuparsi dell’informazione riguardo ai temi della sessualità e della salute riproduttiva. Nello specifico, il 60% ritiene che l’informazione dovrebbe iniziare almeno durante la scuola secondaria di primo grado. Tuttavia, emerge dai dati l’imbarazzo di affrontare l’argomento sessualità con un docente interno: il 62% vorrebbe trattare questi temi con personale esperto esterno alla scuola.

 
 

CURIOSITÀ

Sul tema paternità/maternità, l’80% degli adolescenti ha dichiarato come età ideale per avere il primo figlio la fascia prima dei 30 anni.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti