Oggi l’acne si cura con un nuovo laser

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 23/07/2021 Aggiornato il 23/07/2021

Made in Italy, il nuovo laser per curare l’acne inibisce le ghiandole sebacee riducendo le manifestazioni fino al 90%

Oggi l’acne si cura con un nuovo laser

Il 10% della popolazione mondiale soffre di acne. In Italia, secondo i dati Aideco, Associazione italiana dermatologia e cosmetologia, la patologia interessa l’80% dei giovani con una maggiore incidenza durante l’adolescenza e preadolescenza, più nelle ragazze, soprattutto tra i 13 e i 15 anni, rispetto ai soggetti maschi che risultano più colpiti fra i 15 e i 17 anni. Ma anche gli adulti non ne sono esenti: la percentuale non è importante ma comunque in crescita e sempre con una maggiore frequenza nelle donne e nelle mamme.

I metodi di cura tradizionali

«Attualmente per la cura dell’acne si usano farmaci topici o per via orale come l’acido retinoico, il gel al benzoilperossido o creme antibiotiche, fino ad arrivare all’isotretinoina, che prevede 10-12 mesi di terapia, sotto costante controllo medico e obbligo di esami del sangue ogni mese» spiega il dottor Domenico Carella, dermatologo di Palermo ed esperto di laserterapia. «Tutto questo non è esente da effetti collaterali che vanno dalla secchezza cutanea a tutta una serie di altre problematiche che possono emergere lungo il percorso terapeutico, oltre al fatto che le tradizionali cure per l’acne sono controindicate per le donne in gravidanza o che desiderano avere in tempi brevi un figlio».

Un nuovo laser specifico

Anche se l’acne può avere origini diverse, la ghiandola sebacea gioca sempre un ruolo fondamentale. La chiave per arrivare alla soluzione permanente è quindi quella di denaturarla. Realizzato tutto in Italia, il nuovo laser Accure rappresenta l’ultima frontiera del trattamento dell’acne. «Con il calore disattiva in modo mirato l’attività della ghiandola sebacea, da cui ha origine la produzione eccessiva di sebo e di conseguenza l’acne» commenta il dermatologo. «Sicuro, adatto sia per i fototipi chiari che scuri e ad ogni età, permette di intervenire con successo ed in modo semplice sul volto, la schiena e su altre zone come i glutei dove l’acne si manifesta in modo aggressivo e diffuso: il tutto salvaguardando la pelle e con la sicurezza d’efficacia senza dover assumere farmaci».

 

Da sapere

IL TRATTAMENTO COMPLETO

I trattamenti sono rapidi, in media 30-45 minuti per l’intero viso e 10-20 minuti per piccole aree: ne bastano da uno a tre a una distanza dalle 3 alle 6 settimane per risolvere il problema in maniera definitiva.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti