Ragazze e social: legame pericoloso

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 25/09/2019 Aggiornato il 25/09/2019

Attenzione alle ragazze e i social: le adolescenti diventano più fragili se li usano troppo, in misura molto maggiore dei maschi

Ragazze e social: legame pericoloso

Il rapporto tra ragazze e social non è facile. Da tempo gli esperti mettono in guardia nei confronti dei social media il cui utilizzo smodato viene correlato a problemi di salute mentale, non solo depressione, ma anche insonnia, ansia, stress cronico e mancanza di autostima. I più colpiti sarebbero i giovani. In particolare le ragazze, anche se è difficile quantificare in quale misura.

Ragazze a rischio

Uno studio pubblicato di recente sul Lancet Child & Adolescent Health mette i primi paletti e restringe il campo chiarendo che i social media possono fare male, ma ci sono circostanze che mettono più a rischio e persone più soggette. Nelle ragazze in modo particolare l’uso eccessivo dei social media porta a problemi di salute fisica e mentale, ma anche al cyberbullismo e a una mancanza di sonno e di esercizio fisico. Quello che non accade così frequentemente per i ragazzi.

Cyberbullismo e insonnia

Una ricerca fatta con interviste a circa 10mila teenagers inglesi fra i 13 e i 16 anni rivela che connettersi spesso, più di tre volte al giorno, ai vari social peggiora le condizioni di vita. Per le ragazze il 60% dell’impatto psicologico causato dai social si traduce in una più elevata esposizione al cyberbullismo e alla mancanza di attività alternative. Le ragazze inoltre dormono meno, peggio e fanno meno esercizio fisico.

Sempre più connessi

L’aumento dell’esposizione ai social media appare costante nella ricerca. Nel 2013 solo il 43% dei ragazzi diceva di controllarli più volte al giorno, erano il 59% due anni dopo e il 68,5 tre anni dopo. Questo aumento è stato collegato a una diminuzione di soddisfazione nella vita e a un aumento di stress e ansia. Se fra gli utilizzatori dei social poi si cercano quanti hanno anche avuto episodi di bullismo e segnalato mancanza di sonno o esercizio è più facile trovare che sono ragazze. Questo perché sembra che le giovani tendano in generale a essere più soggette a depressione o ansia, e siano più soggette al bullismo perché più suscettibili rispetto ai commenti altrui, in particolare se legati all’aspetto fisico.

Monitorare il tempo

L’avviso per i genitori è quindi quello di monitorare sempre con attenzione non solo quello che i ragazzi postano e dicono sui social ma anche il tempo che dedicano a questa attività. Se compaiono segnali di eccesso che si traducono in apatia, scarso interesse per altre attività e carenza di sonno è importante cercare di correre subito ai ripari, limitando innanzitutto il tempo che si concede ai social.

 

 

Un suggerimento

L’AIUTO DI UN ESPERTO

Per entrare in relazione con gli adolescenti, e le ragazze in particolare, troppo connessi può essere d’aiuto uno psicologo o comunque di una figura di riferimento che faccia loro capire quanto sia importante sapere gestire bene i social, senza lasciarsi influenzare o peggio ancora condizionare da quanto viene detto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti