Schiavi delle scommesse due adolescenti su tre

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 27/08/2018 Aggiornato il 27/08/2018

La Caritas lancia l’allarme: sempre più adolescenti giocano d’azzardo e sono schiavi delle scommesse e a rischio dipendenza

Schiavi delle scommesse due adolescenti su tre

Schiavi delle scommesse, dei gratta e vinci e delle slot machines. Una realtà, secondo un’indagine condotta dalla Caritas di Roma su 1.600 giovani nelle scuole e nelle parrocchie della Capitale, che coinvolge due adolescenti su tre. In particolare, il 66,3% dei ragazzi dai 13 ai 17 anni gioca d’azzardo almeno una volta all’anno; il 36,3% ha dichiarato di essere giocatore abituale, almeno una volta al mese, attraverso scommesse sportive, gratta e vinci, slot machines, concorsi a premio.

Vietato per legge

Il gioco d’azzardo, vietato per legge ai minori, fa in realtà sempre più parte dell’universo giovani che, schiavi delle scommesse. spesso ne sottovalutano la pericolosità, pensando che “stando attenti” si possano evitare i problemi.

Visto in tv

La ricerca ha scavato a fondo nelle abitudini dei ragazzi, scoprendo che quasi la metà è influenzata dagli spot televisivi. Un dato importante, che fa comprendere quanto sia difficile arginare il fenomeno, poiché qualunque intervento volto a favorire un contenimento del gioco d’azzardo, non può ignorare la funzione promozionale fortissima della pubblicità televisiva.

Come si diventa schiavi delle scommesse

I ragazzi romani sono entranti nel mondo delle scommesse attraverso la pubblicità in tv (80,6%), oppure la pubblicità online (67,3%) o si sono imbattuti nell’azzardo al bar (64,8%). Quasi il 90% (89,1%) definisce l’azzardo “un’attività in cui si utilizza del denaro per vincerne altro, affidandosi alla fortuna”.

Pericoli ignorati

Nessuno o quasi ha citato termini come svago, abilità, competenze, rischio, pericolo. Il 38,5% riconosce l’esistenza di rischi ma afferma che “stando attenti” non succede niente, il 16,1% sostiene che se si è fortunati non succede niente di male e si possono fare i soldi (l’82,3% afferma che si gioca “per vincere soldi”…), quasi il 7% non pensa alcunché, il 5% ritiene l’azzardo un gioco come un altro. Insomma, un po’ di attenzione e un pizzico di fortuna dovrebbero, secondo i ragazzi intervistati, garantire vincite fantastiche e indolori.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I nuovi giochi elettronici non hanno sostituito nell’immaginario collettivo degli adolescenti i giochi più tradizionali; essi si sono semplicemente affiancati o ne hanno proposto una versione più aggiornata ma non per questo meno pericolosa.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti