Alcol e droga = egoismo?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/05/2016 Aggiornato il 27/05/2016

L’abuso di droghe e alcol da parte dei giovani sembra determinare una minor attenzione verso gli altri, il che si traduce in uno spiccato egoismo

Alcol e droga = egoismo?

Tra gli adolescenti la piaga della dipendenza da alcol e droghe è sempre più diffusa. In Italia, secondo il Rapporto Espad del 2012 ragazzi italiani sforano addirittura la media europea, per quanto riguarda il consumo di alcol e droghe, anche inalanti. Che questo possa, però, generare in loro uno spiccato egoismo è una relativa novità.

L’indagine su 585 giovani

Secondo quanto stabilito da una ricerca dell’Università Case Western di Cleveland in Ohio, i giovani che assumono in modo massiccio alcol e droghe sono più disinteressati verso il prossimo e noncuranti delle conseguenze che le loro azioni possono avere sugli altri. In una parola: più egoisti. Lo studio, pubblicato sul Journal of Child and Adolescent Substance Abuse, ha cercato di indicare le discriminanti e i motivi che portano gli adolescenti con problemi di alcol e tossicodipendenza ad avere scarsa considerazione per il prossimo e un maggiore egoismo. L’indagine ha coinvolto 585 giovani tra i 14 e i 18 anni, “reclutati” in liceo e strutture di riabilitazione: i partecipanti erano per la metà donne e il 30% del totale includeva minoranze etniche.

I tossicodipendenti sono i più “disinteressati”

Gli indicatori utilizzati per determinare le motivazioni sottostanti al disinteresse per gli altri sono stati la guida in stato di alterazione e la propensione a praticare sesso non protetto, indipendentemente dall’aver avuto una malattia a trasmissione sessuale. I risultati dei sondaggi hanno rilevato che 390 partecipanti hanno dichiarato di non fare uso di alcol e/o droga o di assumerle limitatamente, mentre 195 (quasi il 33% del totale) hanno affermato di essere tossicodipendenti. Inoltre, l’88% ha dichiarato di non aver fatto uso di droghe o alcol prima dell’ultimo rapporto sessuale, che è stato non protetto per più della metà degli intervistati, mentre 1 su 4 ha avuto precedenti di guida in stato di alterazione. In quest’ultimo caso è stata registrata una forte correlazione tra dipendenza e guida in stato confusionale dovuta a sostanze psicotrope. Analogamente, per quanto riguarda i comportamenti sessuali, i ragazzi tossicodipendenti sono risultati i più irresponsabili, non utilizzando alcuna protezione.

Curarsi attraverso gli altri

Per cercare di prevenire questo atteggiamento egoistico e dannoso, tipico della tossicodipendenza, una soluzione potrebbe essere quella di promuovere il volontariato. La cura per gli altri, infatti, può aiutare gli adolescenti a rischio a non sviluppare questo tipo di comportamento. Come sostiene Maria Pagano, professore associato di psichiatria e primo autore dello studio, la tossicodipendenza ha degli elementi che possono essere accomunati all’autismo.  Inoltre, l’esperta ha affermato che “i tossicodipendenti sono come tornado che attraversano la vita degli altri: anche quando sono in fase di recupero, pochi segni indicano una reale comprensione dell’impatto delle loro azioni su coloro che li circondano”. Questo aspetto, purtroppo, è parte integrante della dipendenza ed è importante che sia stroncato sul nascere, soprattutto durante l’adolescenza.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Tra i ragazzi tossicodipendenti c’è meno propensione a fare volontariato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti