Alcol e adolescenti: allarme per un nuovo gioco su Facebook

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/04/2014 Aggiornato il 02/04/2014

In Francia, su Facebook, sta spopolando un nuovo gioco che istiga gli adolescenti a fare uso di alcol. Ecco in che cosa consiste 

Alcol e adolescenti: allarme per un nuovo gioco su Facebook

Ora anche la tecnologia ci mette lo zampino. Come se quello fra adolescenti e alcol non fosse già amore (malato). In Francia, infatti, su Facebook, sta impazzando un gioco che consiste nell’ubriacarsi da soli. E che piace sempre di più ai ragazzini. Al punto che gli esperti si dicono molto preoccupati.

Come funziona il gioco

Nel nuovo gioco, gli adolescenti vengono sfidati a bere quantità ingenti di alcol e, una volta ubriachi, a filmarsi con una telecamera. Lo scopo? Postare poi sulle pagine di Facebook i video girati e condividerli con amici ed estranei, invitandoli a fare altrettanto. A ottenere il maggior numero di “mi piace”, commenti e condivisioni sono i ragazzi che hanno consumato più drink, che hanno commesso più pazzie o che hanno avuto i comportamenti più assurdi.

L’allarme dei medici

I medici francesi hanno ammesso di essere impensieriti dalle proporzioni che il fenomeno sta assumendo. Ecco perché hanno deciso di lanciare l’allarme dalle pagine del quotidiano Le Parisien. In realtà, però, questo gioco non ha origini francesi. Neknomination, questo è il suo nome ufficiale, è partito dall’Australia a gennaio e, in breve, ha fatto il giro del mondo. Secondo le cronache, avrebbe già causato la morte di due ragazzi irlandesi: Jonny Byrne, 19 anni, e Ross Cummins, 22. Il primo è annegato dopo essersi ubriacato e gettato in un fiume. Ross, invece, è stato trovato morto in casa sua, la mattina dopo aver accettato la sfida a ubriacarsi lanciata da un amico via Facebook. Indubbiamente il connubio alcol-internet  ha effetti potentissimi, da non sottovalutare: entrambi, infatti, espongono gli adolescenti a una serie di rischi. A maggior ragione se vengono usati insieme. 

In breve

ATTENZIONE ANCHE IN ITALIA

Il nuovo gioco, che spinge gli adolescenti ad abusare di quantità elevate di alcol, è approdato anche in Italia. E non senza conseguenze. Sono già due, infatti, i ragazzi ricoverati in coma etilico. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti