Alcol e droghe: è emergenza giovani

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 12/08/2019 Aggiornato il 12/08/2019

L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza lancia l’allarme e invita a prendere provvedimenti contro la diffusione di alcol e droghe fra i minori

Alcol e droghe: è emergenza giovani

Il consumo di alcol e droghe fra i minori sta diventando sempre più un’emergenza. L’ultimo allarme arriva dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, che di recente ha scritto una lettera a governo, conferenza delle regioni e conferenza stato-città per sottolineare l’importanza e la necessità di mettere a punto di un piano di azione per proteggere i nostri ragazzi.

Gli ultimi dati

L’Italia è fra i primi Paesi europei per numero di giovani dediti all’alcol. Secondo i dati ufficiali, il 42,3% delle ragazze e il 52,5% dei ragazzi fra gli 11 e i 25 anni consuma almeno una bevanda alcolica nel corso dell’anno. Eppure, la legge vieta di vendere alcolici ai minori di 18 anni. Non solo: secondo le indicazioni della comunità scientifica, i ragazzi non dovrebbero mai bere almeno fino ai 21 anni di età, perché prima il loro cervello è in via di formazione e molto suscettibile agli effetti dell’alcol. Anche per quanto riguarda i consumi di droghe, purtroppo, la situazione è critica. Fra l’altro, si utilizzano sempre più sostanze reperibili in internet e molto pericolose.

Servono azioni concrete

Ecco perché l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha deciso di intervenire. Nel documento inviato agli amministratori e politici, la Garante Filomena Albano ha scritto che “sono sempre più numerosi i giovanissimi che fanno uso di sostanze stupefacenti e alcoliche. Bisogna aumentare la frequenza dei controlli periodici, i cosiddetti bilanci di salute, tra i 10 e i 14 anni. E poi vanno rafforzati, a livello locale, i controlli sul rispetto dei divieti di vendita ai minori di 18 anni”. Nella lettera sono raccomandate altre attività di prevenzione, come l’attivazione di corsi di formazione rivolti al personale deputato ai servizi di controllo, la promozione di progetti e strumenti di prevenzione che rafforzino l’autostima specialmente in ambito scolastico, l’attivazione di sportelli psicologici in tutte le scuole secondarie superiori.

Dal pediatra al medico di famiglia

È importante anche che al momento del passaggio dal pediatra al medico di base, il primo rediga e trasmetta una scheda clinica relativa al ragazzo. In questo modo diventerebbe più facile individuare precocemente i giovani che rischiano di sviluppare dipendenza da alcol e/o droghe. Pediatra e medico di base, infatti, hanno un ruolo fondamentale in questo senso.

 

 

Da sapere!

I giovani spesso non conoscono i rischi legati al consumo di alcol e droghe, come aumento dell’aggressività, diminuzione dei riflessi, maggiore possibilità di provocare un incidente stradale, alterazioni nella fase di maturazione cerebrale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti