Alcol e fumo: ecco chi rischia di più

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/09/2015 Aggiornato il 23/09/2015

Secondo una curiosa teoria i giovani che odiano la propria città natale sarebbero più soggetti alla dipendenza di alcol e fumo

Alcol e fumo: ecco chi rischia di più

Alcol e fumo sono due vere e proprie piaghe della società contemporanea, soprattutto se riferite all’età (sempre più precoce) in cui diventano dipendenze difficili da abbandonare. Recenti ricerche, a tal proposito, hanno evidenziato che, a cadere nel tranello di alcol e fumo, sono più che altro i giovani che manifestano un disprezzo e un rifiuto della propria città natale e dunque delle proprie origini.

I risultati della ricerca

Il fatto che alcol e fumo riescano a sedurre di più i giovani astiosi nei confronti della propria città natale, è supportato da ricerche scientifiche e sociologiche. Nello specifico, a evidenziarlo è uno studio della Heriot-Watt University, in Scozia, pubblicato sulla rivista Environmental Research. Il campione analizzato dagli studiosi era costituito da  4.427 ragazzi di età compresa tra i 10 e i 15 anni, di cui sono state studiati e registrati le abitudini e lo stile di vita. Dalle analisi dei dati raccolti, è risultato che ben un quinto dei giovani insoddisfatti e ostili nei confronti della città natale, sono dipendenti da alcol e fumo. Come spiega Ivy Shiue, coordinatrice dello studio, i giovani che non amano vivere nel luogo in cui sono nati (per svariati motivi, tra i quali può essere sotteso un rifiuto verso la famiglia di origine) adottano comportamenti più distruttivi e sono più soggetti a dipendenze di vario tipo. Grazie a tali dati, è quindi possibile avere un quadro completo, nonché un differente punto di vista su alcune tipologie di dipendenze frequenti e in crescita tra le nuove generazioni.

A rischio chi ha paura del futuro

Sono proprio le paure a rendere i giovani dipendenti da alcolici e sigarette. Paura del futuro, di non trovare un lavoro, di non avere garanzie di alcun tipo, di non riuscire a costruire solidi nuclei familiari o di non avere un valore come persone. Si tratta di paure molto comuni tra gli esseri umani, soprattutto tra i più giovani ancora molto fragili; e sono timori in crescita a causa dalla crisi economica generale e della crisi del mondo del lavoro che azzera sogni e prospettive.

Un grido d’aiuto che va ascoltato

Se, in più,  la città in cui si è nati e in cui si vive non offre grandi prospettive o sbocchi di realizzazione, ecco che i giovani iniziano a “farsi del male” in un modo che andrebbe ascoltato come grido di aiuto. Per questo la società è chiamata ad ascoltare e l’adulto a creare appositi e nuovi spazi di confronto e socializzazione così come i governi sono chiamati a una responsabilità ancora non assunta in toto: creare condizioni lavorative e possibilità di realizzazione personale-professionale a misura di giovani, indipendentemente da dove si sia nati o si sia costretti a vivere.

 

 

In breve

LO SPECCHIO DI UN DISAGIO

 La dipendenza da alcol e fumo colpisce di più i giovani insoddisfatti del luogo in cui sono nati e dove sono costretti a vivere.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti