Alcol da giovani: allarme rosso!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/12/2017 Aggiornato il 01/12/2017

Il 41% degli adolescenti ha bevuto una bevanda alcolica. Per il 27% il primo bicchiere arriva tra 6 e 10 anni. Fa paura l’alcol da giovani

Alcol da giovani: allarme rosso!

Sono allarmanti i risultati sull’ alcol da giovani della ricerca promossa dall’Osservatorio permanente sui Giovani e l’Alcol, realizzata dall’Università di Trento: ben il 41,2% degli adolescenti ha bevuto il primo bicchiere dopo i 10 anni, mentre il 27,3% si è avvicinato all’alcol per la prima volta tra i 6 e i 10 anni. Rispetto al consumo di alcol, i giovani si dividono in tre tipologie: i non consumatori (astemi o senza alcun consumo recente) il 45,2% del campione; gli occasionali (al massimo 2 volte al mese) il 39,7%; gli abituali (almeno una volta a settimana o più) il 15,1%.

La piaga del binge drinking

Attraverso 1.982 questionari sono stati intervistati giovani di età compresa tra i 12 ed i 14 anni residenti in diversi città italiane, con campioni scelti per area geografica e dimensione dei centri urbani. Sono stati così approfonditi conoscenze, opinioni e atteggiamenti dei ragazzi delle scuole medie su temi come l’esordio, i consumi e l’eccesso di bevande alcoliche. L’indagine rivela cose già parzialmente note (come l’esordio precoce ma “benigno” perché avviene in presenza di adulti), ma esplora anche una nuova precocità di alcuni dei giovani verso forme di rischio un tempo caratteristiche di età più elevate, come per esempio il cosiddetto binge drinking, che ha effetti molto gravi sulla salute e può sfociare nell’abuso di alcol.

I genitori non mettono in guardia i figli

Ad aggravare ulteriormente il quadro dell’ alcol da giovani si aggiunge il fatto che solo il 13,5% dei genitori ha affrontato esplicitamente il tema dei rischi e conseguenze derivanti dall’abuso di alcol, mentre il 31,5% non lo ha mai fatto.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Le bevande con cui ci si avvicina all’ alcol da giovani sono il vino e la birra in occasione di brindisi (46,6%) e feste tra amici (10,6%). I maschi sono più esposti delle femmine all’eccesso di alcol.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti