Allarme adolescenti: uno su due ha comportamenti a rischio

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 18/11/2013 Aggiornato il 18/11/2013

È normale che gli adolescenti siano attratti dai comportamenti a rischio, ma con le nuove tecnologie il pericolo diventa maggiore

Allarme adolescenti: uno su due ha comportamenti a rischio

I comportamenti a rischio sono sempre più diffusi tra gli adolescenti. È il risultato preoccupante emerso dall’indagine “Adolescenti e Socialità” realizzata dalla Società italiana di medicina dell’adolescenza e dall’Associazione laboratorio adolescenza. La ricerca ha evidenziato che quasi un adolescente su due afferma di avere comportamenti a rischio: dalle corse spericolate in motorino e in bici, alla guida senza casco, dalle ubriacature al fumo di sigarette e canne, fino a “venire alle mani”, a fare graffiti sui muri, a rubare qualcosa al supermercato. Lo ammettono il 49% degli adolescenti intervistati, ma la percentuale sale al 58% se si considerano solo i maschi.

Poca consapevolezza

I ragazzi sono consapevoli del rischio che corrono? La maggioranza degli adolescenti (55%) lo fa rendendosi solo a posteriori conto del pericolo corso, ma il 23,5% lo fa consapevolmente per il piacere che ne deriva e il 5% proprio per avere maggiore “rispetto” all’interno del gruppo.

Le azioni maggiormente rischiose

Tra i comportamenti che, con varia gradazione, gli stessi ragazzi considerano a rischio, il 52,2% guida il motorino o la bici in modo spericolato (esperienze compiute una o più volte); il 18% guida il motorino senza casco; il 75% non allaccia le cinture di sicurezza in auto. E ancora: il 44% beve vino, il 47% beve birra, il 27% beve superalcolici, il 53% beve bevande a basso contenuto alcolico, il 20% fuma, il 6,5% ha avuto l’esperienza (singola o ripetuta) di una canna.

Rapporti difficili

Circa i comportamenti sociali il 45% (1 o più volte) ha “fatto a botte”, il 49% ha provocato qualcuno, il 35% non ha pagato il biglietto sui mezzi pubblici, il 32% ha sporcato luoghi pubblici, il 20% ha fatto graffiti sui muri, il 19,8% ha rubato qualcosa in un negozio o grande magazzino, il 5% ha avuto rapporti sessuali non protetti.

Il fantasma del cyberbullismo

Gli adolescenti si servono di strumenti pontentissimi per agire. Uno di questi è certamente il web, con il rischio di cyberbullismo, fenomeno al quale la Società italiana di pediatria sta dedicando grande attenzione e sul quale ha avviato una approfondita indagine. Tramite il web gli adolescenti possono pubblicizzare i proprio comportamenti a rischio, cercando imitazione, oppure possono spingere altri a farlo, proprio ocn il cyberbullismo.  “La propensione al rischio” osserva Giovanni Corsello, presidente della Società Italiana di Pediatria “è da un certo punto di vista insita nei comportamenti di un adolescente e di per sé non ci meraviglia; ciò che preoccupa, invece, è da un lato l’anticipazione dei fenomeni, dall’altro che oggi gli adolescenti hanno a loro disposizione strumenti potentissimi che possono, se non gestiti correttamente, aprire nuovi scenari di rischio: il web”.

In breve

A RISCHIO IN TUTTA ITALIA

Per quanto riguarda le aree geografiche le differenze registrate dall’indagine non sono molto significative e variano a secondo delle “categorie” di azioni: si registra solo una minima prevalenza a compiere azioni rischiose negli adolescenti del nord-ovest e delle isole.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti