Allarme botulino: aumenta il ricorso tra le adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/02/2014 Aggiornato il 07/02/2014

Cresce il numero di adolescenti che ricorre al botulino per migliorare il proprio aspetto 

Allarme botulino: aumenta il ricorso tra le adolescenti

In America la definiscono “botox-mania”. È la tendenza a ricorrere al botulino per distendere le rughe e dare al viso un aspetto più fresco e vitale. Una tentazione che non conosce frontiere: con 60 mila fiale di botulino e 150 mila di collagene le donne italiane si confermano ai primi posti in Europa per ricorso alla chirurgia estetica.

Sempre più giovanissime

Ma la passione per il botulino non conosce anche limiti di età: sono sempre di più, infatti, le adolescenti che scelgono le micro-iniezioni per migliorare il loro aspetto. Se le donne over 40, infatti, si pentono sempre più spesso del ricorso selvaggio al botulino, quelle sotto i trenta ammettono quasi orgogliosamente di farne un uso preventivo. Sono proprio le più giovani, infatti, a far lievitare il mercato del 15% ogni anno, una percentuale decisamente significativa in tempi di crisi. Il fenomeno è talmente rilevante che il quotidiano inglese Daily Mirror ha coniato la definizione di “toxic teen”, ragazzine tossiche, per definire le adolescenti che ricorrono al botox e che ne diventano dipendenti al punto di aver bisogno di una disintossicazione. Fenomeno che va di pari passo con un’altra allarmante moda che si sta diffondendo anche tra i ragazzi: quella di ricorrere al chirurgo estetico per rimodellare il proprio corpo.

Attenzione ai rischi

Gli ambienti scientifici mettono in guardia. L’uso del botulino è sconsigliato sui visi degli adolescenti che non hanno nemmeno le rughe di espressione: aumenta, infatti, il rischio di immobilizzazione del volto e contemporaneamente diminuisce l’effetto che la sostanza può avere negli anni successivi visto che a lungo andare l’organismo può sviluppare una sorta di resistenza al botulino che così non sortisce più gli effetti desiderati. Un altro rischio da non sottovalutare è legato al fatto che l’uso di una sostanza che omologa i tratti estetici può frenare lo sviluppo della personalità in senso originale e creativo. Il consiglio: diffidare dei medici senza scrupoli sempre disponibili ad accogliere tutte le richieste delle pazienti, anche quelle che sono la testimonianza evidente di un disagio psicologico legato alla crescita e dovuto a un percorso di maturazione ancora in divenire.

 

In breve

ALL’ASSALTO ANCHE LE “VIP”

Gli esempi oltreoceano si sprecano: dalla onnipresente Kim Kardashian, 29 anni, che ha orgogliosamente dichiarato di aver effettuato il primo ciclo di botulino sotto i trent’anni, all’irriconoscibile Megan Fox che ha iniziato a sottoporsi a trattamenti di medicina estetica già a diciotto anni. Anche Linsday Lohan, 27 anni, sarebbe una “botulino addicted”, così come la coetanea Lana del Rey, cantante pop che ha voluto darsi una “rinfrescatina” prima di apparire sulle scene. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Fai la tua domanda agli specialisti