Allarme decibel per i ragazzi italiani

Il rumore eccessivo e alcune cattive abitudini danneggiano l’udito e rovinano il rendimento scolastico. Per i nostri giovani è allarme decibel

Allarme decibel per i ragazzi italiani

Allarme decibel nelle scuole. E il rumore eccessivo rischia di gravare sul profitto degli studenti italiani. Recenti ricerche hanno, infatti, sottolineato come i decibel scolastici superino di molto il livello ideale per ascoltare e studiare con profitto.

Inquinamento acustico

Gli studenti italiani apprendono in aule molto rumorose, in quanto troppo vicine ad autostrade, aeroporti, binari del treno o strade altamente trafficate. Il rumore spesso supera i 70 decibel e, secondo il parere degli esperti, a essere minacciate sarebbero le capacità mnemoniche() e logiche degli studenti italiani.

Conseguenze sulle pagelle

Sempre secondo gli esperti, può capitare che una pagella non soddisfacente o un brutto voto possano, in realtà, nascondere una pessima capacità uditiva dello studente, legata anche a un contesto molto rumoroso. I disturbi uditivi che si presentano durante l’infanzia e l’adolescenza influiscono, infatti, sul rendimento scolastico e spesso non sono individuati per tempo.

Le minacce per l’udito

I disturbi uditivi sono in aumento tra i più giovani anche a causa dell’allarme decibel. Sul banco degli imputati ci sono, infatti, ambienti molto rumorosi, ma anche alle cattive abitudini come l’uso continuo di auricolari, l’ascolto di musica a volume molto alto(), l’immersione uditiva in giochi elettronici.

Abbassare il volume

Alla luce di queste considerazioni, gli esperti invitano ad abbassare il volume nelle scuole italiane. Infatti, l’inquinamento acustico provoca un rilascio superiore alla norma di cortisolo, l’ormone dello stress. Quest’ultimo va a influire negativamente sul ragionamento, sulla riflessione e sulla capacità mnemonica a breve termine.

I rimedi più urgenti

Per ridurre il rumore in aula si può incentivare delle lavagne elettroniche, posizionare gommini e feltrini sotto le sedie, cercare di usare un tono di voce consono e isolare in parte la scuola, se vicina a luoghi molto rumorosi.

 

 
 
 

In breve

SILENZIO IN AULA

Insonorizzare le aule, usare strumenti più silenziosi e d’avanguardia: sono tutte misure necessarie per proteggere l’udito dei più giovani, e anche degli adulti.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti