Allarme ginecomastia: molti ragazzi dal chirurgo per un petto scolpito

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2013 Aggiornato il 09/09/2013

Cresce il numero dei ragazzi che ricorrono al bisturi per risolvere la ginecomastia e sfoggiare un petto scolpito

Allarme ginecomastia: molti ragazzi dal chirurgo per un petto scolpito

Ragazzi italiani sempre più vanitosi? Parrebbe proprio di sì, visto che nell’ultimo anno è cresciuto del 30% il numero dei giovani che si sono rivolti al chirurgo per risolvere la ginecomastia, cioè eliminare il grasso in eccesso concentrato a livello delle ghiandole mammarie.

Non solo sovrappeso

Diverse le ragioni del problema che non si lega solo a una questione di sovrappeso. Spesso entrano in gioco fattori ormonali, ma anche l’abuso di farmaci, in particolare antidepressivi, può causare un accumulo di adipe sul torace. Non si deve dimenticare poi il ruolo che gioca l’alimentazione che è determinante nell’incremento del numero di casi di ginecomastia negli ultimi tempi: molti cibi infatti – in particolare la carne – sono contaminati con sostanze che hanno una particolare affinità per i recettori degli estrogeni, ormoni implicati nello sviluppo della ghiandola mammaria. Il più delle volte comunque l’inestetismo è di ordine costituzionale.

Che cosa succede nell’adolescenza

Durante la pubertà si assiste a un normale sviluppo della ghiandola mammaria sia nella donna sia nell’uomo. In breve tempo, però, questa si atrofizza nel maschio: se il processo non avviene o si arresta si assiste a un aumento di volume che di fatto non comporta conseguenze, se non di ordine psicologico. Esistono comunque due tipi di ginecomastia che prevedono interventi diversi per ritrovare un petto scolpito. Il primo tipo comporta un aumento di volume delle mammelle e della componente ghiandolare, il secondo solo un deposito di grasso nella zona mammaria. Nel primo caso è necessario asportare anche la ghiandola con un’incisione attorno l’areola, mentre nel secondo basta eliminare l’adipe attraverso un intervento di liposcultura. 

In breve

NON È SEMPRE NECESSARIO IL BISTURI

Esistono alcuni accorgimenti che gli esperti suggeriscono per prevenire la ginecomastia e avere un petto scolpito senza ricorrere al bisturi. Meglio innanzitutto non esagerare con il consumo di carne e sceglierla di provenienza sicura eliminando il grasso, in quanto le sostanze tossiche si accumulano proprio nell’adipe. Consumare molta frutta e verdura, ricche di fibre e in grado di ridurre l’eccesso di estrogeni nel corpo. È utile poi seguire un regolare programma di attività fisica per evitare l’accumulo di grasso nella zona mammaria e contrastare il rilassamento del muscolo pettorale. Attenzione infine a non abusare di farmaci.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti