Allarme sigarette elettroniche: fanno fumare di più

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/01/2014 Aggiornato il 30/01/2014

Secondo uno studio i giovani che ricorrono alle sigarette elettroniche per smettere di fumare sono portati, in realtà, a fumare di più 

Allarme sigarette elettroniche: fanno fumare di più

Le sigarette elettroniche possono indurre gli adolescenti a fumare di più. La diffusione dell’uso delle cosiddette e-cig sale e i consumatori sono sempre più giovanissimi, ma gli effetti sono deleteri. Secondo i risultati di uno studio americano della University of California di San Francisco (Ucsf) pubblicato dalla rivista scientifica Journal of Adolescent Health, infatti, i giovani che utilizzano le sigarette elettroniche dapprincipio lo fanno per smettere di fumare, ma in realtà, sono poi portati a fumare di più.

Sotto osservazione più di 75.600 giovani

Lo studio ha analizzato i comportamenti di 75.643 coreani tra i 7 e i 12 anni, evidenziando che 4 su 5 sono fumatori “duali”, ovvero utilizzano sia tabacco sia sigarette elettroniche. Inoltre, chi usa le sigarette elettroniche in genere ha tentato di smettere di fumare, il che suggerisce che il messaggio di marketing funziona, ma in realtà non ha ottenuto successo.

Dipendenti dalle e-cig

Anzi, l’utilizzo delle sigarette elettroniche induce a creare un nuovo percorso di tabagismo. I ricercatori e i medici lo chiamano “epidemia da nicotina”. “Stiamo assistendo all’inizio di una nuova fase dell’epidemia da nicotina e a un nuovo percorso verso la dipendenza da parte dei bambini”, spiega l’autore dello studio, Stanton A. Glantz, direttore del Centro per il controllo la ricerca e l’educazione sul tabacco della University of California di San Francisco.

 

In breve

SICUREZZA ANCORA DUBBIA

Promosse come alternative più sicure alle sigarette tradizionali, poi contestate perché contenenti liquidi potenzialmente dannosi, di recente le sigarette elettroniche sono state riammesse in Italia nei luoghi pubblici (tranne che nelle scuole), dopo che ne erano state bandite.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti