Anoressia e altri disturbi in crescita: sono gli effetti di Internet

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/01/2016 Aggiornato il 05/01/2016

Anoressia, bulimia e depressione sono disturbi in aumento tra i ragazzi e alla base vi è senz’altro Internet e le chat. E non manca l’abbandono scolastico sempre più precoce

Anoressia e altri disturbi in crescita: sono gli effetti di Internet

Aumentano i casi di disagio tra i ragazzi e gli adolescenti, che incontrano prestissimo la malattia psichiatrica, sotto forma soprattutto di anoressia, bulimia e depressione. Addirittura sembra che uno su sette ne sia colpito. È emergenza. La crescita di questi problemi, che secondo gli esperti sono raddoppiati negli ultimi dieci anni, arrivando a toccare picchi del 15 per cento, sembra risalire anche a Internet. Come mai?

Troppi social

Circa l’aumento dei casi di anoressia, depressione e bulimia, gli esperti puntano il dito sull’uso disseminante dei social network, internet e smartphone. «Oggi l’uso dei social network da parte degli adolescenti è disseminante – spiega la professoressa Pia Massaglia della Neuropsichiatria infantile dell’ospedale Regina Margherita di Torino -. La realtà virtuale recluta il loro tempo e gli spazi di gioco e di relazione, aumentando il loro isolamento; anche se si sentono sempre connessi, sono impoveriti di relazioni autentiche su cui si fonda la loro effettiva crescita, vivono nell’illusione che amore ed amicizie possano essere sperimentate, ma così non è. L’avvento dell’era di internet e degli smartphone ha facilitato inoltre la pratica dell’autolesionismo».

Più abbandono scolastico

La condizione di disagio in cui vivono oggi i giovanissimi – conseguenza della crisi familiare, sociale e scolastica attuali – li spinge non solo ad isolarsi tra le quattro mura di una stanza, ma anche ad abbandonare la scuola, fenomeno che oggi interessa sempre di più bambini dai 10-11 anni, mentre un tempo erano solo gli studenti delle scuole superiori a lasciare la scuola.

Il ricovero cura, ma non guarisce

Spiega il professor Giorgio Capizzi, direttore della Neuropsichiatria infantile, che per trattare queste malattie quando raggiungono facilmente livelli pericolosi l’ospedale non basta in quanto «Il ricovero cura ma non guarisce certi disagi, ecco l’importanza di una rete più compatta che, costituita da punti di appoggio come centri diurni, gruppi di educatori, laboratori di arte, teatrali eccetera, consenta al bambino di tornare a casa ed alla vita sociale».

 

 

In breve

NON LASCIARLI SOLI

Mai come in questo periodo, i ragazzi non vanno “abbandonati” alla realtà virtuale e agli smartphone. I genitori dovrebbero aggiornarsi e riuscire a seguirli, così da essere presenti e disponibili.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti