Anoressia e bulimia, colpito il 6% delle ragazze

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/09/2014 Aggiornato il 22/09/2014

Hanno tra i 12 e i 25 anni di età e sono vittime di anoressia e bulimia, disturbi del comportamento alimentare in continua e preoccupante crescita

Anoressia e bulimia, colpito il 6% delle ragazze

Sono giovanissime, anche solo 12 anni, e sono vittime di anoressia e bulimia, disturbi del comportamento alimentare che conosce soltanto crescita. Secondo la Società italiana per lo studio dei disturbi del comportamento alimentare (Sisdca) anoressia, bulimia e altri problemi legati al cibo come il binge eating sono, infatti, un fenomeno in aumento in Italia, dove c’è una sempre maggiore attenzione nei confronti dell’immagine e le vittime sono in aumento. Il 5-6% della popolazione femminile tra i 12 e i 25 anni soffre di un rapporto alterato e patologico con l’alimentazione e il proprio corpo.

Fenomeno in crescita tra le giovanissime

I dati sono allarmanti e disegnano un quadro sconcertante di una popolazione femminile che non ha scampo da anoressia e bulimia, due malattie che mettono in ginocchio soprattutto le giovani donne. Le stime dicono che tra le ragazze l’incidenza di queste malattie sia dello 0,5% per l’anoressia, tra l’1% e il 2% per la bulimia e del 3-4% circa per i disturbi “Ednos”, vale a dire tutti quelli che sfuggono ai criteri diagnostici classici che permetterebbero di definirli. La percentuale messa in evidenza dagli esperti, secondo la Sisdca, può salire al 10% considerando anche i disturbi parziali, cioè quelle situazioni non ancora patologiche, ma che possono rappresentare un campanello d’allarme.

Si può guarire?

Secondo i dati dell’American Psychiatric Association (Apa), solo una bassa percentuale di anoressici guarisce completamente, ma nella maggior parte dei casi si ottengono, comunque, buoni risultati (in generale, gli esperti dicono che il trattamento è tanto più effettivo quanto più è giovane il paziente che lo inizia). Tuttavia nei soggetti rimangono  spesso sintomi ossessivo-compulsivi, fobie e abuso di sostanze; i due terzi degli anoressici continuano ad avere problemi di relazione con il cibo e il peso corporeo e il 40% circa manifesta sintomi di bulimia.

Buoni risultati per oltre il 40% dei pazienti

Buoni risultati possono giungere, tuttavia, per una buona percentuale di pazienti. Il rapporto e le linee guida pubblicate nel 2000 dall’Apa indicano, infatti, che più del 44% dei pazienti trattati ha ottenuto buoni risultati, con il recupero del 15% del peso corporeo e con la regolarizzazione del ciclo mestruale (infatti le donne con disturbi del comportamento alimentare come anoressia e bulimia, possono soffrire di amenorrea, cioè la mancanza delle mestruazioni).

In breve

I NUMERI DEL PROBLEMA

Secondo le stime, l’incidenza di queste malattie tra le ragazze è dello 0,5% per l’anoressia, tra l’1% e il 2% per la bulimia e del 3-4% circa per i disturbi “Ednos”, cioè tutti quelli che sfuggono ai criteri diagnostici classici che permetterebbero di definirli. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti