Anoressia e bulimia tra i ragazzi dilagano sul web attraverso video shock

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/04/2014 Aggiornato il 04/04/2014

Esiste un linguaggio in codice molto usato nei blog che invita all’anoressia e alla bulimia. I pediatri lanciano l’allarme

Anoressia e bulimia tra i ragazzi dilagano sul web attraverso video shock

I disturbi del comportamento alimentare come anoressia e bulimia hanno un’origine precisa – il web – e a dimostrarlo è uno studio inglese che ha messo in evidenzia come internet sia in grado di incitare all’anoressia e alla bulimia gli adolescenti. Esiste, infatti, un linguaggio in codice molto usato nei blog che invita al dimagrimento. YouTube è il canale più usato.

Il codice che dilaga nel web

Secondo gli studiosi le abbreviazioni “ana” come anoressia e “mia” come bulimia sono le più usate, spesso accompagnate da una serie di indicazioni pratiche per calare di peso: dalle purghe al digiuno. Youtube è il canale più usato e pericoloso: ci sono centinaia di video che incoraggiano a mostrarsi sempre più sottili. E il problema coinvolge allo stesso modo i giovanissimi di sesso maschile.

Non abbassare la guardia

Gli esperti invitano i genitori a essere più vigili e spiegano che “i siti a rischio sono quelli che promuovono i disturbi alimentari come stile di vita”. Bocciati anche i blog sulla magrezza che riportano immagini di persone famose molto magre. Una delle raccomandazioni è quella di monitorare il peso dei figli oltre i vestiti: spesso chi soffre di anoressia o bulimia tende a nascondersi, vestendosi a strati. Altro punto importante è di non aspettare a chiedere aiuto agli psicologi e alle associazioni di aiuto.

La famiglia al centro

Conferma Andrea Vania, docente di pediatria alla Sapienza di Roma e consulente per la nutrizione della Società italiana di pediatria: “Il web può accentuare lo stato laddove già si è orientati verso questo tipo di problemi, ma può anche favorirne la presa di coscienza. I siti pro-ania e pro-mia vengono spesso denunciati in Italia e poi chiusi. Per tutelare i bambini e gli adolescenti resta di primaria importanza il buon rapporto con la famiglia: occorre tenere sempre un occhio vigile sul comportamento dei figli, su cosa cercano online”.

In breve

ATTENZIONE AI SITI PERICOLOSI

I siti a rischio sono quelli che promuovono i disturbi alimentari (anoressia e bulimia) come stile di vita. Vanno censurati anche i blog sulla magrezza che riportano immagini di persone famose molto magre.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti