Anoressia e bulimia: traumi e autolesionismo tra i campanelli d’allarme

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 07/10/2019 Aggiornato il 07/10/2019

Abuso di alcol, eccesso di farmaci, autolesionismo, traumi, incidenti. I principali segnali d’allarme di anoressia e bulimia

Anoressia e bulimia: traumi e autolesionismo tra i campanelli d’allarme

Anoressia e bulimia colpiscono sempre più giovani, e a un’età sempre più precoce. È fondamentale accorgersene per tempo, in modo da bloccarli due anni prima che si manifestino anoressia, bulimia. Ecco i quattro campanelli d’allarme che possono indicare chi si ammalerà. Sono stati individuati da un team di ricercatori dell’Università di Swansea, in Inghilterra, analizzando i dati di oltre 15mila persone con disturbi del comportamento alimentare.

Anticipano la diagnosi di 2 anni

Nei due anni prima della diagnosi di anoressia, bulimia o binge eating disorder, i pazienti hanno spesso episodi di autolesionismo o sono vittime di incidenti e traumi ripetuti e frequenti; ma possono anche manifestare disturbi della personalità, depressione e fare un uso eccessivo di alcol.  «Indicano che le persone sono in evidente difficoltà anche prima dello sviluppo di un disturbo del comportamento alimentare; purtroppo, spesso queste condizioni non vengono adeguatamente diagnosticate”, dice Jacinta Tan, coordinatrice dello studio e psichiatra all’Università di Swansea in Galles.

Attenzione anche a lassativi e integratori 

Spesso le persone a rischio di anoressia e bulimia consumano anche grandi quantità di farmaci per la stitichezza, per la digestione o supplementi dietetici: dai multivitaminici agli integratori di ferro. Uno o più di questi campanelli d’allarme dovrebbe far insospettire il medico di famiglia. “Soprattutto l’aumento di prescrizioni di farmaci di vario genere dovrebbe far alzare le antenne”.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Spesso l’anoressia si accompagna alla bulimia quando ai momenti di restrizione dell’assunzione del cibo, si aggiungono episodi di abbuffate (caratterizzate da un abnorme ingestione di cibo in un tempo ridotto) alternate alla veloce eliminazione (vomito autoindotto, uso eccessivo di lassativi o diuretici).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti