Anoressia maschile in crescita: il 20% sono ragazzi

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 31/03/2020 Aggiornato il 31/03/2020

Patologia prevalentemente femminile, l'anoressia si riscopre oggi sempre più maschile. Anoressico un uomo ogni quattro donne. Diagnosi tardive, pregiudizi e poca attenzione non aiutano

Anoressia maschile in crescita: il 20% sono ragazzi

L’anoressia è una patologia prevalentemente femminile. Attenzione però a non sottovalutare la sua crescente incidenza negli uomini. Questo l’allarme lanciato dagli esperti dell’Ame (Associazione medici endocrinologi), che sottolineano come soffra di anoressia un uomo ogni quattro donne.

Tre milioni di anoressici in Italia

In Italia l’anoressia colpisce circa tre milioni di persone. Di queste, il 20% è costituito da ragazzi. Una percentuale che fa riflettere e rivela una crescita dei casi tra i maschi. Considerata prevalentemente donna, l’ anoressia si scopre dunque sempre più una patologia maschile. Analizzando i dati, gli esperti dell’Ame sottolineano come sia importante rivalutare le modalità di approccio all’anoressia e non sottovalutare questa “migrazione sessuale” del problema.

Non è più un problema solo femminile

Alla base delle preoccupazioni dell’Ame c’è la forma mentis creatasi intorno all’anoressia in questi anni. Infatti, l’aver considerato il problema come esclusivo dell’universo femminile, non permette un corretto e tempestivo approccio quando a essere colpito è un uomo. Da questo derivano diagnosi tardive, oltre a paura e imbarazzo nei ragazzi. Sono però gli stessi medici a dover cambiare approccio, evitando di sottovalutare i casi di anoressia maschile, eliminando anche i più minimi pregiudizi diagnostici di genere.

Va cambiato l’approccio verso la malattia

Proprio come accade per le ragazze, nei ragazzi l’anoressia si presenta prevalentemente intorno ai 14-15 anni, ma non mancano casi registrati anche a partire dai 8-9 anni. È chiaro dunque come sia importante tenere alta la guardia. Come spiega l’endocrinologa ed esperta dei disturbi del comportamento alimentare, Simonetta Marucci, gli uomini sono stati tagliati fuori per anni dagli studi sul tema, con protocolli clinici e diagnostici modellati principalmente sull’universo femminile.

Sempre meno differenze di genere

In linea di massima, aggiunge Marucci, l’ anoressia negli uomini si rivela molto simile a quella delle donne, anche se spesso, oltre a comportamenti alimentari sbagliati e dannosi, l’ossessione per la forma fisica si manifesta attraverso un’attività sportiva compulsiva. In questo contesto, è importante che medici e specialisti comincino a riconoscere i sintomi e comprendano le emozioni dei ragazzi, per aiutarli al meglio nella lotta contro l’anoressia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Oltre all’anoressia, anche per pubertà precoce e osteoporosi non occorre dimenticarsi degli uomini. La prima si anticipa di 2-3 anni soprattutto a causa dell’inquinamento, la seconda colpisce sì solo un uomo su dieci (contro l’uno su quattro delle donne), ma nei maschi ha conseguenze più gravi.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti