Anoressia: può alterare il senso del tatto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/03/2015 Aggiornato il 19/03/2015

Le ragazze che soffrono di anoressia avrebbero un senso del tatto distorto, al punto di sentire fianchi e gambe più grandi di quanto siano in realtà

Anoressia: può alterare il senso del tatto?

Che l’anoressia sia una vera e propria malattia che può causare diversi tipi di conseguenze fisiche e anche psicologiche è risaputo. Ma che possa addirittura alterare il senso del tatto è una scoperta che sorprende. L’ha fatta un gruppo di ricercatori di varie nazionalità, coordinati dallo psichiatra italiano Santino Gaudio, che hanno condotto una revisione in proposito pubblicata recentemente sulla rivista Plos One.

Una malattia al centro di numerosi studi

Gli autori hanno esaminato tutte le ricerche presenti nella letteratura scientifica riguardanti l’anoressia. In particolare, hanno preso in esame i dati relativi alla percezione che le ragazze e donne malate avevano del proprio corpo da un punto di vista multisensoriale. Lo scopo era capire se la malattia avesse un qualche tipo di influenza sul modo in cui le anoressiche si vedono e si sentono.

Le parti del corpo sembrano più grandi

Dall’analisi è emersa innanzitutto una conferma: le persone che soffrono di anoressia si vedono molto più grasse di quanto siano in realtà, al punto che anche quando sono magrissime e addirittura denutrite si vedono in sovrappeso. Ma la percezione alterata delle proprie forme corporee non riguarda solo il senso della vista. Coinvolge anche il tatto. Gli studiosi hanno scoperto, infatti, che queste donne, toccandosi con le mani, si sentono molto grosse, soprattutto a livello di fianchi e gambe. “Con il tatto percepiscono come fossero più grandi le parti del corpo più importanti per le donne, gambe e fianchi” confermano gli esperti.

Problemi di orientamento

Ma non finisce qui. La ricerca ha svelato che chi ha problemi di anoressia ha difficoltà nell’orientare e posizionare nello spazio le diverse parti del proprio corpo. Un deficit del tutto simile a quello che presentano i soggetti che hanno subito un ictus. Gli esperti hanno ipotizzato che la distorsione del senso del tatto e dell’orientamento potrebbe dipendere da alterazioni a carico della corteccia parietale del cervello (la parte del cervello che contiene, fra le altre cose, le aree sensoriali).

Possibili nuove cure

Queste informazioni sono molto utili e potrebbero aiutare a ideare nuove cure. “Con questo scopo partirà nella prossima primavera con l’Università Cattolica di Milano, un progetto di riabilitazione del corpo, con la riorganizzazione della propria immagine, che vedrà l’utilizzo della realtà virtuale” hanno affermato gli studiosi.

 

 

da sapere

Tanti pensano l’anoressia sia una problematica a se stante, che si colloca all’estremo opposto della bulimia. Invece, si tratta di due facce della stessa medaglia: in molti casi, la malattia esordisce con la forma anoressica, poi evolve nel tempo e si modifica, trasformandosi in bulimia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti