Anoressia: può alterare il senso del tatto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/03/2015 Aggiornato il 19/03/2015

Le ragazze che soffrono di anoressia avrebbero un senso del tatto distorto, al punto di sentire fianchi e gambe più grandi di quanto siano in realtà

Anoressia: può alterare il senso del tatto?

Che l’anoressia sia una vera e propria malattia che può causare diversi tipi di conseguenze fisiche e anche psicologiche è risaputo. Ma che possa addirittura alterare il senso del tatto è una scoperta che sorprende. L’ha fatta un gruppo di ricercatori di varie nazionalità, coordinati dallo psichiatra italiano Santino Gaudio, che hanno condotto una revisione in proposito pubblicata recentemente sulla rivista Plos One.

Una malattia al centro di numerosi studi

Gli autori hanno esaminato tutte le ricerche presenti nella letteratura scientifica riguardanti l’anoressia. In particolare, hanno preso in esame i dati relativi alla percezione che le ragazze e donne malate avevano del proprio corpo da un punto di vista multisensoriale. Lo scopo era capire se la malattia avesse un qualche tipo di influenza sul modo in cui le anoressiche si vedono e si sentono.

Le parti del corpo sembrano più grandi

Dall’analisi è emersa innanzitutto una conferma: le persone che soffrono di anoressia si vedono molto più grasse di quanto siano in realtà, al punto che anche quando sono magrissime e addirittura denutrite si vedono in sovrappeso. Ma la percezione alterata delle proprie forme corporee non riguarda solo il senso della vista. Coinvolge anche il tatto. Gli studiosi hanno scoperto, infatti, che queste donne, toccandosi con le mani, si sentono molto grosse, soprattutto a livello di fianchi e gambe. “Con il tatto percepiscono come fossero più grandi le parti del corpo più importanti per le donne, gambe e fianchi” confermano gli esperti.

Problemi di orientamento

Ma non finisce qui. La ricerca ha svelato che chi ha problemi di anoressia ha difficoltà nell’orientare e posizionare nello spazio le diverse parti del proprio corpo. Un deficit del tutto simile a quello che presentano i soggetti che hanno subito un ictus. Gli esperti hanno ipotizzato che la distorsione del senso del tatto e dell’orientamento potrebbe dipendere da alterazioni a carico della corteccia parietale del cervello (la parte del cervello che contiene, fra le altre cose, le aree sensoriali).

Possibili nuove cure

Queste informazioni sono molto utili e potrebbero aiutare a ideare nuove cure. “Con questo scopo partirà nella prossima primavera con l’Università Cattolica di Milano, un progetto di riabilitazione del corpo, con la riorganizzazione della propria immagine, che vedrà l’utilizzo della realtà virtuale” hanno affermato gli studiosi.

 

 

da sapere

Tanti pensano l’anoressia sia una problematica a se stante, che si colloca all’estremo opposto della bulimia. Invece, si tratta di due facce della stessa medaglia: in molti casi, la malattia esordisce con la forma anoressica, poi evolve nel tempo e si modifica, trasformandosi in bulimia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti