Anoressia: trovata una nuova cura

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/05/2016 Aggiornato il 19/05/2016

Grazie all’utilizzo di magneti si potrebbe curare l’anoressia, un disturbo del comportamento alimentare che colpisce soprattutto le ragazze tra i 12 e 16 anni. Come funzionano

Anoressia: trovata una nuova cura

L’anoressia colpisce soprattutto le adolescenti, ma ultimamente si sta pericolosamente diffondendo anche tra le bambine. Al King’s College di Londra si è sperimentata una soluzione al problema: una nuova tecnica che può ridurne i sintomi.

Magneti contro la magrezza eccessiva

L’esigenza di ridurre l’assunzione di cibo e l’ossessiva percezione di  essere grasse possono essere ridotti in una sola seduta con una tecnica sul cervello non invasiva: stimolazioni magnetiche transcraniche, che stimolano il cervello nella zona collegata allo sviluppo della malattia, ossia, come riferiscono gli esperti, la corteccia prefrontale dorsolaterale.

Basta una sola sessione

Questo metodo è già stato testato per combattere i sintomi della depressione. I risultati della ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Plos One,  sono stati ottenuti grazie a un test eseguito su un campione di 49 persone. Una sola sessione di stimolazioni al cervello basta ad avere dei miglioramenti. I farmaci e le sedute psicoterapiche cognitivo-comportamentali, abbinati alla terapia sperimentale di stimolazioni al cervello, potrebbero, dunque, rappresentare una frontiera per il futuro dei malati di anoressia.

Disturbo tipico dell’adolescenza

L’età tipica di comparsa dell’anoressia è compresa tra i 12 e 16 anni e la maggior frequenza è femminile. La malattia è caratterizzata dal rifiuto di mangiare e dall’ossessione di mantenere il peso corporeo nella norma, se non al di sotto.  La nascita del disturbo alimentare è, infatti, favorito da influenze culturali e sociali, che continuamente ci propongono il messaggio che magro è bello. Gli anoressici cadono nella “trappola del loro corpo”. La mortalità del male è alta: 1 persona su 5 non sopravvive.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Anoressia significa etimologicamente “senza fame”. In realtà, chi ne è colpito ha una fame enorme ma ha imparato a controllarla.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti