Attenzione a Facebook: può distorcere l’immagine corporea

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/05/2014 Aggiornato il 27/05/2014

Un recente studio dimostra che guardare le foto di modelle e belle donne su Facebook può portare le ragazzine a sviluppare un’immagine corporea negativa 

Attenzione a Facebook: può distorcere l’immagine corporea

Dei pericoli di internet in generale e di Facebook in particolare si parla moltissimo. Ma fino a oggi si era detto poco a proposito di quanto il social network più famoso in assoluto possa influire sulla percezione di sé e del proprio corpo. Nuove informazioni in proposito arrivano da un recente studio condotto da un tema di ricercatori americani, delle università dell’Ohio e dell’Iowa, presentato al congresso nazionale della International Communication Association.

Studio su più di 800 ragazze

La ricerca ha riguardato 881 ragazze di college inglesi e americani. Tutte sono state invitate a rispondere a dei questionari riguardanti lo stile di vita seguito e l’abitudine o meno di passare del tempo su Facebook. Inoltre, sono state sottoposte ad alcuni test psicologici. Lo scopo era capire se e come l’uso dei social network potesse influire sull’immagine corporea di sé.

Facebook altera la percezione corporea

Dai risultati è emerso che effettivamente l’uso di Facebook può alterare la percezione corporea. Moltissime ragazze amano osservare con grande attenzione le foto di attrici o modelle, ma anche di conoscenti ritenute belle e affascinanti, valutandone look e aspetto. Più tempo si passa a guardare le immagini di donne considerate sexy, però, e più si rischia di sottovalutare se stesse e il proprio corpo.

Rischio disturbi del comportamento alimentare

“Il tempo speso su Facebook predice il rischio di avere una percezione negativa del proprio corpo e, probabilmente, può indurre a sviluppare comportamenti non salutari nei confronti del cibo, influenzando la comparsa di disturbi del comportamento alimentare” hanno concluso i ricercatori. Anche per questo è importante che i genitori vigilino i comportamenti su Facebook delle figlie adolescenti.

In breve

SÌ AI CONTROLLI

Impedire alle ragazzine di usare Facebook non è una mossa molto utile. Oltretutto, questo divieto è facilmente aggirabile. Molto meglio proporre alle figlie un patto: possono usare il social network a patto di riferire ai genitori qualsiasi anomalia o stranezza notata e di permettere loro di controllare la bacheca ogni tanto. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti