Attenzione a Tv e social: aumentano il rischio di depressione nei giovani

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 30/09/2019 Aggiornato il 30/09/2019

I ragazzi che trascorrono molto tempo davanti alla tv o sui social hanno più probabilità di sviluppare depressione. Ecco perché

Attenzione a Tv e social: aumentano il rischio di depressione nei giovani

Trascorrere troppe ore davanti a un dispositivo tecnologico non è salutare. Ma quanti saprebbero dire quali sono quelli più nocivi? Non tutti i media digitali, infatti, hanno gli stessi effetti: molto dipende dalla tipologia e dall’attività per cui vengono utilizzati. A dirlo è uno studio condotto da un team di ricercatori canadesi dell’università di Montreal e pubblicato su Jama Pediatrics, secondo cui le attività più pericolose per il rischio di depressione negli adolescenti sono guardare la televisione e stare sui social media.

Uno studio su 4mila ragazzi

Lo studio, che è durato quattro anni, ha coinvolto 4mila ragazzi di entrambi i sessi, che all’inizio della ricerca avevano in media 12 anni. Tutti sono stati invitati a rispondere a cadenza regolare a questionari che riguardavano l’uso dei media elettronici. In particolare, i ragazzi dovevano indicare quante ore trascorressero mediamente davanti a schermi di computer, televisione, tablet e smartphone e a quale scopo impiegassero i dispositivi. Inoltre, gli autori hanno chiesto loro di valutare, periodicamente, su una scala da zero a quattro i sintomi tipici della depressione, come tristezza, senso di inutilità e pensieri suicidi.

Tv e social media sono i più pericolosi

Analizzando i dati raccolti, gli studiosi hanno scoperto che gli schermi sono pericolosi tutti allo stesso modo, ma che alcune attività si associano a un rischio aumentato di depressione. Quali? Guardare la televisione e stare sui social media. La ragione? Probabilmente perché obbligano a confrontarsi con altre persone e modelli spesso irraggiungibili o comunque molto distanti dalla realtà. “Social media e tv sono forme di comunicazione che espongono frequentemente gli adolescenti a immagini di altre persone in situazioni favorevoli, come quelle con corpi perfetti o con uno stile di vita eccitante o facoltoso” hanno spiegato gli autori. Ecco perché è importante che i genitori vigilino sull’uso che i figli fanno dei dispositivi elettronici e siano per loro punti di riferimento solidi.

 

 

Da sapere!

Vietare ai figli adolescenti di usare i social o di guardare la Tv non è certo la soluzione giusta. È possibile però accompagnarli in questo percorso, non solo controllando che cosa fanno i ragazzi mentre sono davanti agli schermi e imponendo dei limiti di tempo nel loro uso, ma anche e soprattutto promuovendo il dialogo in famiglia e facendo attenzione a certi segnali sospetti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti