Attività fisica semi sconosciuta: solo 2 adolescenti su 10 fanno sport

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 29/03/2018 Aggiornato il 07/08/2018

La sedentarietà è molto pericolosa. Eppure ancora oggi sono troppi pochi gli adolescenti che praticano un’attività fisica

Attività fisica semi sconosciuta: solo 2 adolescenti su 10 fanno sport

Sono ormai diversi anni che gli esperti insistono sull’importanza di combattere la sedentarietà e di fare una regolare attività fisica. Eppure, ancora oggi, la quota di persone che segue questa raccomandazione è molto bassa. Anche fra gli adolescenti, che invece dovrebbero essere particolarmente attivi vista la loro età. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale dalla sanità in un documento, nel quale afferma che ben l’81% dei ragazzi fra gli 11 e i 17 anni si muove troppo poco.

Le conseguenze della sedentarietà 

L’ attività fisica dovrebbe essere una compagna quasi quotidiana della vita degli adolescenti. Muoversi, infatti, non fa bene solo alla salute, ma anche alla psiche: fa divertire, aumenta la socializzazione, accresce l’autostima, insegna a stare in gruppo. Nonostante ciò, meno di 2 ragazzi su 10 praticano regolarmente uno sport. Il risultato? Le conseguenze maggiori di questa tendenza alla sedentarietà si verificano a livello cardiovascolare: secondo l’Oms la mancanza di attività fisica predispone allo sviluppo di diabete, di malattie quali ictus e infarto e di tumore, tanto che si associa a un rischio di morte aumentato del 20-30% rispetto alla media. 

Dagli adulti cattivo esempio

La situazione non migliora nelle fasce d’età successive. A livello globale, infatti, circa il 23% degli adulti non è abbastanza attivo: il 20% degli uomini e il 27% delle donne. I meno virtuosi da questo punto di vista sono gli abitanti dei Paesi industrializzati: in questo caso, infatti, la percentuale di “pigri” sale al 26% nel sesso maschile e nel 35% in quello femminile, contro il 12% e 24% dei Paesi in via di sviluppo. 

Il piano globale dell’Oms

Nonostante circa l’80% dei Paesi membri dell’Oms abbia sviluppato piani e politiche ad hoc per cercare di incentivare l’ attività fisica tra adolescenti e adulti, solo nel 56% di essi queste misure sono effettivamente operative. Ecco perché l’Oms sta elaborando un Piano d’azione globale, con l’obiettivo di ridurre almeno del 10% la percentuale di persone inattive fisicamente entro il 2025. 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La sedentarietà è una grande nemica della fertilità maschile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti