Attività fisica semi sconosciuta: solo 2 adolescenti su 10 fanno sport

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 29/03/2018 Aggiornato il 17/07/2023

La sedentarietà è molto pericolosa. Eppure ancora oggi sono troppi pochi gli adolescenti che praticano un’attività fisica

Attività fisica semi sconosciuta: solo 2 adolescenti su 10 fanno sport

Sono ormai diversi anni che gli esperti insistono sull’importanza di combattere la sedentarietà e di fare una regolare attività fisica. Eppure, ancora oggi, la quota di persone che segue questa raccomandazione è molto bassa. Anche fra gli adolescenti, che invece dovrebbero essere particolarmente attivi vista la loro età. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale dalla sanità in un documento, nel quale afferma che ben l’81% dei ragazzi fra gli 11 e i 17 anni si muove troppo poco.

Le conseguenze della sedentarietà 

L’ attività fisica dovrebbe essere una compagna quasi quotidiana della vita degli adolescenti. Muoversi, infatti, non fa bene solo alla salute, ma anche alla psiche: fa divertire, aumenta la socializzazione, accresce l’autostima, insegna a stare in gruppo. Nonostante ciò, meno di 2 ragazzi su 10 praticano regolarmente uno sport. Il risultato? Le conseguenze maggiori di questa tendenza alla sedentarietà si verificano a livello cardiovascolare: secondo l’Oms la mancanza di attività fisica predispone allo sviluppo di diabete, di malattie quali ictus e infarto e di tumore, tanto che si associa a un rischio di morte aumentato del 20-30% rispetto alla media. 

Dagli adulti cattivo esempio

La situazione non migliora nelle fasce d’età successive. A livello globale, infatti, circa il 23% degli adulti non è abbastanza attivo: il 20% degli uomini e il 27% delle donne. I meno virtuosi da questo punto di vista sono gli abitanti dei Paesi industrializzati: in questo caso, infatti, la percentuale di “pigri” sale al 26% nel sesso maschile e nel 35% in quello femminile, contro il 12% e 24% dei Paesi in via di sviluppo. 

Il piano globale dell’Oms

Nonostante circa l’80% dei Paesi membri dell’Oms abbia sviluppato piani e politiche ad hoc per cercare di incentivare l’ attività fisica tra adolescenti e adulti, solo nel 56% di essi queste misure sono effettivamente operative. Ecco perché l’Oms sta elaborando un Piano d’azione globale, con l’obiettivo di ridurre almeno del 10% la percentuale di persone inattive fisicamente entro il 2025. 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La sedentarietà è una grande nemica della fertilità maschile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti