Autolesionismo e cyberbullismo: è allarme tra i giovanissimi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Cyberbullismo e autolesionismo sono condizioni in crescita tra la popolazione, soprattutto tra i giovanissimi, che risultano essere le vittime maggiori

Autolesionismo e cyberbullismo: è allarme tra i giovanissimi

Cyberbullismo e autolesionismo sono condizioni in crescita tra la popolazione, soprattutto tra i giovanissimi, che sono le vittime maggiori. Secondo uno studio italiano condotto, gli uomini single risultano soffrirne più delle donne. È il quadro tracciato da Charlie Telefono Amico, il servizio di ascolto gratuito fondato nel 1990 a Pontedera.

I numeri del fenomeno

Secondo il report di Telefono Amico, l’identikit di chi chiede aiuto è l’uomo fra i 31 anni e i 50 anni, senza partner, solo e sofferente perché si sente isolato e senza persone con cui sfogarsi. Ma anche i giovanissimi chiedono aiuto. Quanto agli Sos lanciati dai ragazzi, Telefono Amico ha rilevato alcune caratteristiche particolari. “Dominano le questioni legate a emozioni e relazioni – testimonia lo psicologo e psicoterapeuta Giovanni Cioli, coordinatore di Charlie Telefono Amico -, ma emergono anche nuovi temi, come le molestie attraverso i social network e il cosiddetto “cutting”, l’autolesionismo, di cui i ragazzi parlano come un modo di darsi sollievo da un dolore emotivo insopportabile che per loro è difficile perfino descrivere”. Per quanto riguarda i social network, gli esperti spiegano: “Subire un insulto o il dileggio sui social può rappresentare un grave problema per un giovane, che può comportare un vero e proprio crollo della propria identità sociale”.

Oltre 2500 chiamate di aiuto

I risultati evidenziano altri dati allarmanti. Oltre ai problemi di cyberbullismo e autolesionismo, nel 2013 i 30 volontari di Charlie hanno risposto a 2.650 chiamate, di cui più della metà fatte da un uomo. I problemi più frequenti sono la solitudine e problemi sociali (difficoltà lavorative, povertà, affidamento dei figli). Nel 90% delle telefonate lamentano difficoltà sessuali.

Un problema la comunicazione con gli altri

Secondo il report, 1.080 persone, oltre il 40% del totale utenti, hanno chiamato per parlare del proprio isolamento o dell’impossibilità di comunicare agli altri questioni importanti della propria vita. Il 26% delle telefonate è stato invece dominato dal tema dell’handicap, fisico o mentale.

 

In breve

ALTO IL RISCHIO DI INFEZIONI

Alcune stime ipotizzano che il 10% dei teenager tra i 13 e i 16 anni, dunque oltre duecentomila adolescenti, pratichi il “cutting”. Tra gli strumenti usati per tagliarsi, lamette, vetro e perfino lattine usate.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti