Autolesionismo per un adolescente su 5. È allarme

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 15/10/2018 Aggiornato il 15/10/2018

Tra le cause più comuni dell’autolesionismo tra gli adolescenti: abusi, bullismo, depressione e problemi relazionali

Autolesionismo per un adolescente su 5. È allarme

Un rapporto della Children Society ha evidenziato come in Gran Bretagna un adolescente su 5 si infligga volontariamente ferite per lenire la sofferenza mentale. Un fenomeno, quello dell’autolesionismo, in preoccupante aumento.

Le ragazze più colpite

I dati sono stati raccolti dal Millennium Cohort Study, un progetto di ricerca che segue la vita di 19.000 bambini nati nel Regno Unito tra il 2000 e il 2001. Oltre 11.000 di questi giovanissimi hanno risposto a un questionario nel quale si chiedeva loro se si fossero fatti male di proposito, in qualsiasi modo, nell’ultimo anno. Delle 5.624 ragazze che hanno risposto, 1.237 hanno dichiarato di avere praticato autolesionismo, pari al 22%. Tra i ragazzi la percentuale è risultata del 9%. Il tasso più elevato (46%) riguarda chi si sente attratto da persone dello stesso sesso o da entrambi i sessi.

Tanti modi per affrontare i ricordi dolorosi

I modi di praticare autolesionismo possono essere diversi: tagliarsi è, forse, il comportamento più diffuso, ma c’è anche chi preferisce pizzicarsi o provocarsi piccole ustioni e lividi; in alcuni casi si arriva anche a sbattere la testa contro il muro. Quello che li accomuna, secondo gli esperti, è il tentativo di utilizzarli per affrontare ricordi dolorosi. Tramite l’ autolesionismo, cioè, ci si illude di poter gestire sentimenti intollerabili oppure si tenta di sublimare un disagio interiore. The Children’s Society stima che 109.000 ragazzi di 14 anni in tutto il Regno Unito possano aver compiuto atti autolesionisti durante il 2015: 76.000 ragazze e 33.000 ragazzi. E il numero di ricoveri ospedalieri di ragazze under 18 anni per autolesionismo sarebbe quasi raddoppiato in due decenni, da 7.327 nel 1997 fino ad arrivare a 13.463 nel 2017.

I genitori spesso ignari del problema

Per le famiglie non sempre è facile capire se il proprio figlio adolescente ha questo tipo di comportamento. Spesso infatti, i ragazzi si infliggono ferite in punti poco visibili, oppure indossano maglie a maniche lunghe o pantaloni lunghi anche in estate. Talvolta chi si ferisce volontariamente lo fa in maniera così grave da richiedere l’intervento dei medici, ma nella maggior parte dei casi le lesioni non sono così evidenti, come accade per chi si provoca dolore strappando piccolissime ciocche di capelli. Tra gli autolesionisti, il 60% è stato vittima di violenze, bullismo, di abusi sessuali o psicologici, oppure ha vissuto in una famiglia disagiata. Il restante 40% ha trascorso un’esistenza apparentemente normale, ma con genitori poco affettuosi, assenti oppure che pretendono troppo dai figli.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Gli stereotipi di genere e le preoccupazioni relative al proprio aspetto fisico, soprattutto per quanto riguarda le ragazze, potrebbero essere fattori collegati all’infelicità che porta all’ autolesionismo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti