Baby-dipendenti da alcol e droghe

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/08/2019 Aggiornato il 05/08/2019

Una bambina di 10 anni scoperta cocainomane al pronto soccorso, altri due ragazzini giunti in ospedale in coma etilico. È allarme per il crescente numero di bambini e adolescenti che accedono ed eccedono nel consumo di alcol e droga

Baby-dipendenti da alcol e droghe

L’età in cui si crea la dipendenza si è abbassata vertiginosamente e già a 12 anni  spesso si sviluppano disturbi di comportamento a causa dell’abuso di alcol e droghe.  Secondo i dati di diverse statistiche incrociate, sarebbero due milioni i giovani che dipendono da droga e alcol o che hanno un rapporto problematico con l’alimentazione. I recenti casi di una bambina di soli 10 anni di Vimercate scoperta per caso cocainomane dei medici del Pronto soccorso e di altri due ragazzini di Roma giunti in ospedale in coma etilico sono purtroppo solo la punta dell’iceberg.

Numeri preoccupanti

Per quanto riguarda la droga, uno studio del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa condotto qualche tempo fa in oltre 400 scuole aveva rilevato che ben il 26% degli studenti tra i 15 e i 19 anni fa uso di cannabis e di questi un quarto fuma marijuana quotidianamente. Inoltre, il 4% fa uso di cocaina, mentre il 2,3% ingoia pasticche senza sapere cosa siano. Sull’alcol i dati Istat abbassano ancora di più l’età “dell’iniziazione”: già a 11 anni il 5% del campione ha bevuto alcolici, mentre a 15 anni consumano alcol il 41% dei maschi e il 33% delle femmine. Tra le tendenze più sconsiderate primeggia la moda del “binge drinking”, ovvero bere di seguito diversi shottini nel giro di un’ora fino a stordirsi, coinvolgendo 1 adolescente su 100 già all’età di 13 anni. Inoltre, aumentano i casi di coma etilico tra i giovanissimi, in pronto soccorso a soli 13-14 anni.

Il senso di abbandono crea la dipendenza

Per i baby-dipendenti l’età del ricovero si è abbassata a 12-14 anni e gli adolescenti sono spesso  afflitti da ansia e depressione, problematiche legate alla dipendenza da cannabis, ma anche da droghe sintetiche, funghi allucinogeni, eroina  fumata e cocaina.  “A volte – spiegano gli esperti – ci sono fattori genetici ereditari, ma spesso dietro questa ricerca dello stordimento c’è una voglia di autodistruzione generata da una sensazione di abbandono: non merito l’attenzione degli altri, della famiglia e della scuola e allora mi rifugio in un mondo anestetizzato”.

 

 

da sapere!

Anche la dipendenza dal cibo è molto estesa: secondo i dati Istat 600mila adolescenti italiani soffrono di disturbi alimentari.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti