Binge drinking: a rischio chi prova per scherzo l’alcol da giovanissimo?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/05/2015 Aggiornato il 28/05/2015

Chi ha i primi approcci, anche se moderati, con l’alcol intorno agli 11-12 anni avrebbe maggiori possibilità di andare incontro al binge drinking da adolescente

Binge drinking: a rischio chi prova per scherzo l’alcol da giovanissimo?

Gli approcci precoci all’alcol non sono mai innocenti e innocui. Proporre a un bambino di “bagnare le labbra” con il vino o la birra del papà da semplice gioco rischia di trasformarsi in un comportamento molto pericoloso. Infatti, i ragazzi che assaggiano i primi alcolici a 11 anni avrebbero molte più probabilità di andare incontro al binge drinking da adolescenti. Lo rivela una ricerca condotta recentemente da un team di esperti statunitensi, della Brown University di Rhode Island, pubblicata sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs.

Uno studio su oltre 60 studenti

Lo studio ha riguardato complessivamente 61 studenti che, all’inizio della ricerca, frequentavano le scuole medie. Tutti, nei tre anni successivi, sono stati sottoporsi a diverse interviste. Gli autori hanno chiesto loro di rispondere ad alcune domande in merito al proprio stile di vita, in particolar modo all’abitudine o meno di bere alcolici e al primo approccio con l’alcol. Lo scopo era capire quanti di loro praticassero il cosiddetto “binge drinking”, ossia il bere quantità elevate di bevande alcoliche in poco tempo al solo scopo di ubriacarsi e dei provare lo sballo, e quali potessero essere le cause di questo comportamento scorretto.

Prima si comincia e prima ci si ubriaca

Dall’analisi dei risultati è emerso che il binge drinking era molto diffuso fra i giovani, in particolare fra quelli che avevano avuto i primi approcci con l’alcol in età precoce. Infatti, fra gli studenti che avevano assaggiato la prima bevanda alcolica da piccoli, intorno agli 11 anni, uno su quattro ha ammesso di aver bevuto un’intera bevanda alcolica a14-15 anni e uno su 10 di essersi ubriacato. Fra gli adolescenti che non avevano mai provato alcolici le percentuali erano più basse: solo il 6%, giunto all’età di 14-15, ha bevuto un alcolico intero e solo il 2% si è ubriacato.

Mai invogliare i ragazzi per scherzo

I ricercatori hanno commentato che il ruolo dei genitori è essenziale. Nel corso dello studio si è visto che il 30% degli intervistati ha sorseggiato alcol a 11 anni perché incoraggiato in occasioni speciali da mamma e papà. Un errore da non commettere: nemmeno per gioco bisognerebbe invogliare i propri figli ad avvicinarsi all’alcol perché le conseguenze a breve e lungo termine potrebbero essere molto gravi. Oggi, infatti, è molto più facile avere accesso agli alcolici fuori casa: se si prova, dunque, poi è più difficile controllarsi, specialmente di fronte agli amici.

 

 

 

da sapere

MEGLIO A PASTO

L’alcol può essere molto nocivo per l’organismo in crescita dei ragazzi. A maggior ragione se consumato in grandi quantità e fuori pasto, proprio come nel caso del binge drinking. Bere un bicchiere di vino o birra mentre si mangia è meno dannoso.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti