Binge drinking, sempre più diffuso tra i giovani

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 08/07/2021 Aggiornato il 08/07/2021

Sono 3,8 milioni i binge-drinkers che hanno consumato più di 6 bicchieri di bevanda a base di alcol in un’unica occasione. E tra questi ci sono tanti giovanissimi

Binge drinking, sempre più diffuso tra i giovani

Con l’espressione “binge drinking” si intende l’abitudine a consumare grosse quantità di alcol (almeno 6 bicchieri) in una sola occasione. Questo tipo di comportamento è più presente nei Paesi del nord Europa, ma si è consolidato anche in Italia, tra giovani e meno giovani, soprattutto di sesso maschile.

Tanto alcol negli adolescenti

L’abuso di alcol riguarda 3,8 milioni di consumatori (2,8 milioni maschi), di cui 830mila tra gli 11 e i 25 anni (21,8% del totale) che arrivano all’intossicazione. Questo è il quadro dell’Istituto superiore di sanità, che ha fotografato la situazione pre-covid del 2019. I dati sono stati presentati alla vigilia dell’Alcohol prevention day. Nel 2019 i binge drinker sono stati il 10,8% tra gli uomini ed il 3,5% tra le donne sopra gli undici anni. Lo studio ha dimostrato nel 2019 maggiori livelli di consumo nella fascia tra i 18 ed i 24 anni (16% dei giovani), tra questi il 20,6% maschi e l’11% femmine.  Sono oltre 36 milioni i consumatori di alcolici nel 2019 (20 milioni maschi e 16 milioni femmine): il 77,8% dei ragazzi italiani di 11 anni e più e il 56,5%, delle giovani italiane.

Astemi in diminuzione

Nel 2019 sono stati rilevati il 18,3% tra gli uomini ed il 38,1% tra le donne di astemi, per queste ultime il trend diminuisce del 3,4% rispetto all’anno precedente. I dati non sono buoni soprattutto tra minori ed adolescenti. A rischio sono i 750mila minorenni, tra 16 e 17 anni (42,2% maschi; 39,2% femmine), seguiti da oltre 2,7 milioni di anziani over 65 (maschi 34,0%; femmine 8,6%), età in cui un uomo su tre e una donna su dieci abusano di alcol. La prevalenza di consumatori a rischio uomini è superiore alle consumatrici per tutte le classi di età, ad esclusione dei minorenni.

 

 

Da sapere

ALCOLDIPENDENZA E COVID-19

L’alcoldipendenza, anche al di la del binge drinking, è un fenomeno in crescita soprattutto tra i giovani. La situazione che stiamo vivendo con la pandemia di Covid-19 e la paura dell’ignoto rendono più vulnerabili. I pazienti affetti da disturbo da consumo di alcol, come evidenziato dall’Iss, l’Istituto superiore di sanità, sono soggetti “fragili”, a maggior rischio di contrarre il Covid-19 e in caso di infezione e malattia sono a maggior rischio di sviluppare sintomatologia severa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti