Boom di malattie sessualmente trasmissibili tra gli adolescenti

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/10/2013 Aggiornato il 09/10/2013

Le malattie sessualmente trasmissibili tra gli adolescenti sono aumentate del 50% in dieci anni. Lo dice un report inglese, condotto dal ministero della Salute

Boom di malattie sessualmente trasmissibili tra gli adolescenti

È allarme rosso: il sesso non è quasi mai protetto tra i giovani sotto i 25 anni, che rischiano di essere vittime di malattie sessualmente trasmissibili, come la gonorrea. I dati sono allarmanti: le malattie sessualmente trasmissibili sono cresciute del 50% in dieci anni, secondo un report inglese, condotto dal ministero della Salute. Gli esperti ammettono: “I giovani stanno perdendo il senso della protezione dalle malattie sessuali, anche a causa della fine della grande paura dell’Aids”.

La gonorrea allarma

Il dato più preoccupante riguarda la gonorrea, aumentata di un quinto solo negli ultimi dodici mesi. Nel 2012 in Gran Bretagna si sono registrati 448.422 nuovi casi di infezioni trasmesse sessualmente, tra cui clamidia, herpes e condilomi genitali. Il totale è in crescita del 5% rispetto all’anno precedente e del 46% rispetto al 2003. Dati simili, anche se con proporzioni diverse per le singole malattie, si registrano anche in Italia.

È passata la paura dell’Aids

Spiega l’andrologo Carlo Foresta dell’università di Padova e past president della Siams, la Società italiana di andrologia e medicina della sessualità: “I giovani stanno perdendo il senso della protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili, anche a causa della fine della grande paura dell’Aids. I nostri dati – prosegue Foresta – tramite il progetto Androlife, ci dicono che oltre il 50% dei giovani tra i 16 e i 25 anni fa sesso, anche in rapporti occasionali, senza alcuna precauzione”.

Il fenomeno in Italia

In Italia si registrano molti meno casi di clamidia, ma preoccupa la diffusione del papillomavirus. “Ben il 20% dei giovani maschi italiani che hanno rapporti sessuali non protetti ha già il papillomavirus nel liquido seminale, e impiega un anno e mezzo in media a eliminarlo” sottolinea l’andrologo Carlo Foresta “Il che vuol dire che per un anno e mezzo questi ragazzi sono contagiosi”.

Picco di infezioni del cavo orale

Poi c’è il boom di infezioni del cavo orale, e quello più allarmante dei tumori della bocca, dovuti a rapporti orali con persone colpite dal virus. Una ricerca in via di pubblicazione conferma proprio la relazione stretta tra rapporti orali in coppie in cui uno dei due è positivo al virus Hpv e l’incremento di contagio nel cavo orale e di tumori.

In breve

SERVE MAGGIORE INFORMAZIONE

È assolutamente importante fare sesso con le protezioni dovute. I giovani devono capire che anche se l’Aids viene ormai cronicizzata dai farmaci è ancora un rischio reale, e poi ci sono tutte le altre malattie, alcune delle quali si credevano debellate come la sifilide, che invece sono in aumento.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti