Bravi nello sport e… la pagella “brilla”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/01/2014 Aggiornato il 07/01/2014

Secondo uno studio inglese lo sport aiuta i ragazzi a ottenere voti migliori a scuola, soprattutto in inglese e nelle materie scientifiche

Bravi nello sport e... la pagella "brilla"

 

Lo sport fa bene non solo al corpo, ma anche al cervello. Soprattutto dei più giovani. La conferma arriva da uno studio delle università di Strathclyde e Dundee (Regno Unito) e pubblicato sulla rivista scientifica British Journal of Sports Medicine: i ragazzi che si mantengono in esercizio hanno un miglior rendimento scolastico e portano a casa pagelle più belle. 

Ogni quarto d’ora in più fa guadagnare voti

La ricerca, che ha coinvolto circa 5 mila studenti, ha rilevato l’associazione tra la pratica di uno sport e i risultati ottenuti negli esami di inglese, matematica e scienze. In particolare, secondo lo studio inglese, il rendimento scolastico aumenta ogni 17 minuti di attività fisica in più svolta dai ragazzi e ogni 12 minuti in più per le ragazze.

Ancora troppi pigri

Purtroppo i ricercatori hanno anche rilevato che la maggior parte dei ragazzi preferisce la vita sedentaria e non svolge i 60 minuti di esercizio al giorno consigliati  dall’Organizzazione mondiale della sanità, che ricorda che tra i 5 e i 17 anni dovrebbero garantirsi ogni giorno almeno 60 minuti di attività fisica di intensità da moderata a elevata. Lo sport da preferire è quello di tipo aerobico, ma almeno 3 volte alla settimana sono consigliate anche attività ad alta intensità.

In breve

MIGLIORA L’AUTOSTIMA E ABBASSA LO STRESS

I benefici dello sport sono confermati anche dal ministero della Salute: l’attività fisica aumenta la fiducia nelle proprie possibilità e l’autostima, facilita i rapporti sociali, migliora la capacità di sopportare lo stress e protegge da disturbi come l’ansia e la depressione. Per quanto riguarda i benefici a livello fisico, lo sport fa bene a ossa, muscoli e legamenti, al cuore, ai polmoni e al sistema endocrino-metabolico.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Bimba di 11 mesi che non si gira quando viene chiamata: può essere un segno di autismo?

03/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

La diagnosi di disturbo dello spettro autistico può essere formulata individuando specifici comportamenti manifestati dal bambino. Di certo non può essere effettuata "da remoto", senza avere modo di vedere il bambino né di approfondire, attraverso le parole dei genitori, i suoi atteggiamenti e il suo...  »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti