Brutti voti a scuola? Forse dorme troppo poco

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/11/2014 Aggiornato il 10/11/2014

I ragazzi che dormono meno di 7 ore a notte avrebbero più brutti voti a scuola. Ecco perché

Brutti voti a scuola? Forse dorme troppo poco

Se vostro figlio ha brutti voti a scuola, la colpa potrebbe non essere solamente del carattere un po’ svogliato o del cattivo rapporto con le insegnanti. Alla base potrebbe esserci anche un riposo notturno insufficiente. A suggerirlo è un recente studio condotto da un team di ricercatori svedesi, dell’Università di Uppsala.

Analizzati oltre 20 mila studenti

La ricerca ha coinvolto un campione molto ampio: in totale sono stati reclutati più di 20 mila ragazzi e giovani di età compresa fra i 12 e i 19 anni. Tutti sono stati invitati a rispondere a dei questionari sul proprio stile di vita, in particolare sulle ore dedicate al sonno, e sul proprio rendimento scolastico, per valutare i brutti voti a scuola. Per capire le performance dei giovani, gli autori hanno anche intervistato i loro insegnanti ed esaminato le loro pagelle. Lo scopo era chiarire se ci fosse una correlazione fra qualità del riposo notturno e comportamenti e brutti voti a scuola.

Con meno di 7 ore ci sono problemi

Dall’analisi dei risultati è emerso che il sonno può avere una forte influenza sulle performance degli alunni a scuola. In particolare, si è visto che i ragazzi che dormono meno di sette ore a notte rendono meno rispetto agli altri. Infatti, hanno voti inferiori, presentano maggiori difficoltà di apprendimento e, in generale, sono meno partecipi e attivi.

Sempre più i ragazzi insonni

Quella dimostrata dallo studio è una relazione da non sottovalutare. Infatti, purtroppo sono sempre di più i ragazzi che dormono poco la notte o sono insonni. “Un altro importante risultato del nostro studio è che circa il 30 per cento degli adolescenti ha riferito di avere regolarmente problemi di sonno. Osservazioni simili sono state fatte in altre coorti di adolescenti, a indicare che i problemi del sonno tra i teenager hanno raggiunto un livello epidemico nelle nostre società moderne” hanno confermato gli autori.

Il sonno è alleato della mente

Quanto scoperto in questo studio non dovrebbe stupire. Non solo perché ovviamente dormire poco fa sentire stanchi e poco reattivi di giorno. Ma anche perché occorre sapere che durante il sonno Rem (lo stadio delle fantasie e dei sogni), il cervello è in iper attività: rielabora le esperienze vissute durante la giornata e attiva i processi cognitivi. Ma per la memoria è importante anche il sonno non-Rem profondo, che serve a depositare le informazioni utili ed eliminare quelle non ritenute importanti. Se, dunque, il sonno è troppo scarso ne risente anche l’attività cerebrale in stato di veglia. Possono subentrare scarsa concentrazione, cali di memoria, difficoltà di rendimento nello studio o sul lavoro.

In breve

ALLA SERA NIENTE CELLULARE

Se i ragazzi presentano delle difficoltà a scuola, è bene verificare che dormano un numero sufficiente di ore. Per aiutarli a riposare bene, la sera impedire loro di esporsi a fonti luminose e sonore, come televisione, telefonini e computer. Il cellulare, fra l’altro, è doppiamente deleterio perché ostacola il rilassamento: fa rimanere la persona in uno stato di allerta, in attesa di messaggini e telefonate.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti