Caffeina: adolescenti in overdose

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 04/05/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Quasi la metà dei ragazzi italiani assume troppa caffeina, correndo tutta una serie di rischi. Ecco quali

Caffeina: adolescenti in overdose

Quando si parla di caffeina tutti pensano subito al caffè. In realtà, esso è solo una delle molteplici bevande che contengono questa sostanza. Oggi, infatti, in commercio si trovano moltissimi prodotti a base di caffeina. Il risultato? Tante persone finiscono con l’assumere grandi quantitativi di questo ingrediente eccitante, spesso senza nemmeno saperlo. Fra queste, anche troppi adolescenti, che purtroppo corrono rischi maggiori rispetto agli adulti. La conferma arriva da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani, dell’università di Foggia, guidati dal professor Angelo Campanozzi, pubblicato sulla rivista Acta Paediatrica.

Uno studio su oltre 1.200 ragazzi

La ricerca ha coinvolto 1.213 adolescenti, di età compresa fra i 12 e i 19 anni. Tutti sono stati invitati a compilare, in forma anonima, dei questionari con una serie di domande riguardanti il gradimento e il consumo di bevande contenenti caffeina. I ricercatori volevano capire se i ragazzi fossero abituati a usare questi prodotti e ogni quanto li assumessero – giornalmente, ogni due-tre giorni, settimanalmente – e se preferissero berle in momento specifici, come durante lo studio, l’attività sportiva o il relax.

Quasi la metà degli adolescenti è a rischio

Dall’analisi dei risultati, è emerso che la maggior parte dei ragazzi eccedeva il consumo giornaliero permesso di caffeina, attraverso l’uso di caffè, soft drink ed energy drink. Il 76% dei partecipanti (tre quarti) introduceva caffeina ogni giorno e, di questi, il 46% in quantità superiore alle dosi consigliate. Purtroppo non senza effetti. Infatti, il consumo eccessivo di questa sostanza non è esente da conseguenze dannose. “Alcuni articoli scientifici presenti in letteratura riportano: nervosismo, ansia, disturbi del sonno, ipertensione. Inoltre, assumendo softdrinks con caffeina bisogna considerare il rischio di obesità, visto che si tratta di bevande contenenti zucchero” ha spiegato Angelo Campanozzi, professore in Pediatria

 

 

Da sapere!

Secondo l’American Academy negli adolescenti è importante non superare i 100 milligrammi di caffeina al giorno, il che significa non più di una tazzina di caffè espresso.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti