Cancro al seno: provocato anche dall’alcol da giovani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/10/2013 Aggiornato il 11/10/2013

Basta un bicchiere medio di vino (o alcol) al giorno per aumentare di ben un terzo la possibilità di ammalarsi di cancro al seno da grandi. Ragazze a rischio

Cancro al seno: provocato anche dall’alcol da giovani

L’allarme arriva dai medici della Washington University School of Medicine di St. Louis che, attraverso uno studio, hanno evidenziato come l’uso e l’abuso di alcol tra le giovanissime possa predisporre in futuro a malattie gravi come il cancro al seno. Basta anche un bicchiere medio di vino al giorno per aumentare di ben un terzo la possibilità di ammalarsi. Lo studio afferma, dunque, che le donne che in adolescenza hanno consumato un bicchiere di vino al giorno correrebbero un rischio del 34 per cento maggiore di contrarre cancro al seno rispetto a chi invece non ha fatto abuso di alcol nei 10 anni seguenti l’arrivo del menarca.  I ricercatori, infatti, considerano cruciale il periodo che va dalla prima mestruazione alla prima gravidanza.

91mila donne sotto osservazione

Gli studiosi hanno esaminato la storia clinica di 91mila donne, riscontrando che l’alcol consumato precedentemente rispetto alla prima gravidanza ha un’incidenza molto più alta sulle possibilità di ammalarsi di cancro al seno. Le stesse conclusioni sono state registrate per quanto riguarda altre neoplasie benigne.

Le cause del tumore

Spiega Ying Liu, uno degli autori dello studio che “prima di avere un figlio il tessuto del seno è più vulnerabile e questo elemento potrebbe giocare un ruolo importante nell’eziologia della malattia”. Come fa notare anche Paul Pharaoh, professore di epidemiologia tumorale all’University of Cambridge “il link tra alcol e neoplasia mammaria è in realtà noto da tempo e precedenti studi sostengono che le bevitrici (chi consuma circa due dosi giornaliere di alcolici) hanno in media un 24 per cento di chance in più di soffrire in futuro di questa patologia”. 

In breve

COME PREVENIRE IL TUMORE AL SENO

Evitare esami radiologici nelle bambine; incrementare l’attività fisica; adottare una dieta ricca di alimenti vegetali e povera di zuccheri e cereali raffinati, grassi saturi e bevande alcoliche; assumere il trattamento ormonale in menopausa sotto controllo e indicazione medica.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti