Cannabis: basta un solo spinello per modificare il cervello dei ragazzi

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 11/03/2019 Aggiornato il 11/03/2019

Negli adolescenti la cannabis può essere molto pericolosa. Anche fumando un solo spinello il cervello subisce alterazioni

Cannabis: basta un solo spinello per modificare il cervello dei ragazzi

Chi pensa che tutto sommato la cannabis sia innocua e che, rispetto ad altre droghe, sia molto meno pericolosa dovrà ricredersi. Si tratta, infatti, di una sostanza potenzialmente dannosa, anche a piccole dosi. Perlomeno nei ragazzi. Lo conferma uno studio condotto da un team internazionale di ricercatori, pubblicato sul Journal of Neuroscience, secondo cui anche un solo spinello è in grado di modificare il cervello di un adolescente.

L’indagine su 14enni

L’indagine ha riguardato 46 ragazzi di 14 anni di entrambi i sessi, di diversi Paesi europei (Francia, Germania, Irlanda e Inghilterra). Tutti hanno dichiarato di aver consumato cannabis una o al massimo due volte nel corso della loro vita. Gli esperti li hanno sottoposti ad alcune indagini strumentali per ottenere immagini della loro anatomia cerebrale. Quindi, le hanno analizzate e confrontate con quelle di adolescenti che non avevano mai fumato nemmeno uno spinello. L’obiettivo era capire se e come l’uso di questa droga causi variazioni a livello cerebrale.

Modifiche confermate

Dall’analisi dei dati raccolti è emerso che i ragazzi che avevano fatto uso di cannabis presentavano alcune mutazioni nelle zone del cervello relative all’elaborazione delle emozioni, all’apprendimento e alla formazione della memoria e un aumento di volume della materia grigia rispetto al normale sviluppo adolescenziale. In genere, infatti, all’età di 14 anni, le regioni corticali del cervello attraversano un processo di assottigliamento che rende il cervello e le sue connessioni più efficienti. 

Conseguenze ancora oscure

Ma che cosa comportano nella pratica queste modifiche indotte dagli spinelli? Al momento non si sa. Gli studiosi hanno elaborato due ipotesi, opposte. “Una possibilità è che l’uso di cannabis abbia distrutto questo processo di assottigliamento, con conseguente aumento dei volumi (cioè, un’interruzione della tipica maturazione) negli utilizzatori di cannabis. Un’altra possibilità, opposta, è che l’uso di cannabis abbia portato a una crescita dei neuroni e delle connessioni tra loro” hanno spiegato gli autori. In entrambi i casi, si tratta di anomalie rispetto alla situazione di normalità.

 

 

 
 
 

In breve

IL RUOLO DEI GENITORI

È importante che i genitori spieghino ai figli, specie se adolescenti, i pericoli connessi all’uso di cannabis e di altre droghe. Non devono temere di spaventarli, al contrario: è giusto che sappiano cosa può succedere usando certe sostanze.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti