Cannabis: blocca la crescita dei ragazzi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/07/2015 Aggiornato il 31/07/2015

I ragazzi che da giovani fumano cannabis sarebbero molto più bassi e magri dei loro coetanei. Ecco perché

Cannabis: blocca la crescita dei ragazzi?

Negli ultimi anni le ricerche sugli effetti della cannabis si sono moltiplicate. Ancora oggi, il dibattito è aperto: da una parte ci sono i detrattatori (in maggioranza), che sostengono che consumare questa sostanza esponga a tutta una serie di effetti negativi, dall’altra, i sostenitori (in minoranza), che ritengono che, tutto sommato, la marijuana non sia poi così deleteria e che sicuramente sia meno pericolosa rispetto alle droghe cosiddette “pesanti”. L’ultima ricerca, condotta da un team di ricercatori pakistani, sembra dar mano forte al popolo degli allarmisti. Infatti, dimostra che i ragazzi che fumano gli spinelli crescono meno rispetto ai coetanei che non hanno questa abitudine.

Uno studio su quasi 500 ragazzi

Lo studio ha riguardato 437 ragazzi all’inizio dell’adolescenza. Gli autori hanno chiesto loro di rispondere a una serie di domande riguardanti l’abitudine o meno di usare sostanze stupefacenti, in particolare di fumare cannabis. Inoltre, li hanno sottoposti a un dosaggio ormonale e ne hanno misurato l’altezza e il peso sia all’inizio dello studio sia a distanza di alcuni anni, quando tutti avevano compiuto i 20 anni. Lo scopo era capire se fra uso di droghe e tipo di sviluppo ci fosse una qualche relazione.

Chi fuma è più basso e magro

Dall’analisi dei risultati è emerso innanzitutto che dei 437 ragazzi analizzati, 27 fumavano abitualmente cannabis. Ebbene, si è visto che in questi ragazzi la crescita era notevolmente rallentata rispetto agli altri. Innanzitutto, a 12-13 anni, presentavano livelli degli ormoni legati alla crescita tendenzialmente sopra la norma. Di conseguenza, sono andati incontro a una pubertà precoce, con blocco della crescita. E, infatti, a 20 anni, i consumatori marijuana erano di ben 11,6 centimetri più bassi della media degli altri e pesavano quattro chilogrammi in meno.  

Un problema diffuso

Gli autori hanno concluso che l’uso di cannabis in giovane età può compromettere lo sviluppo dei ragazzi. Il problema è che quella giovanile è anche la fascia d’età  in cui l’abitudine di fumare spinelli è più diffusa in tutto il mondo. Queste conclusioni vanno confermate da ulteriori ricerche. In ogni caso, considerando anche i risultati raggiunti dagli altri studi condotti in materia, sarebbe bene disincentivare il più possibile l’uso di droghe, anche se leggere, fra i ragazzini.

 

 

 
 
 

In breve

CHE COSA SPINGE A “FUMARE”

Dietro al consumo di cannabis da parte dei giovani si nascondono diverse motivazioni. Sicuramente, c’è la voglia di trasgredire e di provare un po’ di sballo. Anche il bisogno di far parte di un gruppo può spingere a fumare.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sei mesi che si addormenta solo se cullata

18/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Intorno ai quattro mesi di vita, tutti i bambini dovrebbero imparare ad addormentarsi da solo: se questo non accade si può ricorrere a un metodo che nella maggior parte dei casi dà buoni risultati.   »

Bimba che sorride a tutti ma non alla mamma

18/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Per ottenere risate e gridolini allegri dal proprio bambino, può essere sufficiente relazionarsi con lui in modo sereno e gioioso.   »

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Fai la tua domanda agli specialisti