Cause miopia, lo studio influisce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/09/2014 Aggiornato il 05/09/2014

Chi passa più tempo su libri e quaderni ha maggiori possibilità di sviluppare la patologia. Più della metà dei laureati, infatti, ha problemi con la vista

Cause miopia, lo studio influisce

Tra le cause di miopia, lo studio influisce Lo afferma uno studio condotto dai ricercatori tedeschi dell’University Medical Center di Mainz su un campione di 4.658 persone. A quanto pare, infatti, la gravità della miopia sarebbe direttamente proporzionale al più altro livello di istruzione e sarebbe, quindi, una diretta conseguenza del maggior numero di ore passate su libri e quaderni e, oggi, anche a tablet o eReader. Insomma, c’è un po’ di verità nell’immagine tradizionale del topo di biblioteca che porta immancabilmente gli occhiali da vista.

Conta più l’ambiente dei geni

Nell’aggravarsi o nell’instaurarsi della miopia, secondo i dati raccolti, sarebbe ben più importante il fattore ambientale rispetto a quello legato alla predisposizione genetica. Durante la ricerca si è potuto evidenziare come il 24% delle persone senza diploma di scuola superiore fosse miope, ma la percentuale dei diplomati miopi era del 35%. Altissima, invece, quella dei laureati: più della metà, il 53% per la precisione, accusava seri problemi di miopia. In merito ai dati acquisiti, è apparso evidente come la miopia peggiorasse notevolmente per ogni anno di studio in più. Durante lo studio sono stati esaminati anche più di quaranta marcatori genetici, ma il potenziale più elevato non era dato da questi, bensì proprio dal livello di istruzione. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista della American Academy of Ophthalmology.

Una malattia in crescita

La miopia è una patologia molto comune: in Italia si stima che ne sia affetto il 25 per cento della popolazione, ma negli ultimi decenni è in forte crescita un po’ ovunque tra i bambini e gli adolescenti. In particolare sta diventando una malattia molto diffusa nelle nazioni asiatiche a più alto tasso di sviluppo economico. In Paesi come Singapore, Taiwan o la Corea del Sud i miopi raggiungono l’ottanta per cento della popolazione. A parte il fastidio e la spesa economica di portare occhiali o lenti a contatto per correggere il difetto, pare che la miopia sia associata negli adulti a un rischio aumentato di distacco della retina e di cataratta. 

In breve

PIÙ TEMPO ALL’ARIA APERTA

La soluzione al problema della miopia, secondo quanto consigliano gli esperti, potrebbe stare nel bilanciare le ore passate a leggere o applicate allo studio con quelle trascorse all’aperto dove l’occhio può spaziare verso orizzonti più ampi e non deve concentrarsi su un punto ravvicinato.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti