Cervello dei ragazzi: si “accende” di fronte all’amore

Il cervello dei ragazzi si attiva se immaginano un’emozione, come l’amore, e ad attivarsi sono soprattutto le due aree legate alla consapevolezza emotiva. Ecco come

Cervello dei ragazzi: si “accende” di fronte all’amore

L’amore, si sa, è un sentimento potentissimo, in grado di mobilitare energie, persone e cose. Addirittura è in grado di “accendere” il cervello dei ragazzi. A dirlo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani, dell’IRCCS Medea, in collaborazione con il Polo di Bosisio Parini dello stesso Istituto, con la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico e con l’Università degli Studi di Milano, pubblicato sulla rivista Brain and Cognition.

Uno studio su un gruppo di adolescenti

La ricerca è stata condotta su un gruppo di adolescenti di età compresa fra i 14 e i 19 anni. Gli autori hanno chiesto loro di svolgere due mansioni. Innanzitutto, di leggere mentalmente un verbo che descrive un’emozione o poi di leggere a voce alta  un verbo che descrive un’azione. Inoltre, hanno chiesto loro di immaginare, in entrambi i casi, se stessi mentre si trovavano nella situazione corrispondente. Durante tutti questi compiti li hanno sottoposti a delle risonanze magnetiche, in modo di valutare la funzionalità cerebrale. Lo scopo era capire se e come emozioni e azioni possano interferire con il cervello.

Le reazioni del cervello

Dall’analisi delle risonanze magnetiche cerebrali è emerso che le due azioni hanno generato effetti diversi sul cervello dei ragazzi. Immaginare verbi correlati a situazioni emotive, come amare oppure odiare una persona cara, infatti, si associava a un aumento dell’attivazione in due aree precise del cervello. “Le zone che si accendono sono quelle in cui viene codificata la consapevolezza emotiva legata alle parti del nostro corpo, come quando aumenta la sudorazione per uno stato d’ansia o accelera il battito cardiaco per la paura” ha spiegato Barbara Tomasino, responsabile del progetto. Al contrario, pronunciare verbi legati ad azioni, come afferrare o scrivere, non comportava questa “accensione” cerebrale. Si è visto che anche quando i partecipanti erano impegnati a immaginare una situazione emotiva, ma con un compito di tipo cognitivo, come individuare una lettera specifica all’interno della parola, non si verificava l’attivazione di queste due aree.

L’importanza dell’immaginazione

Gli autori hanno concluso che non è sufficiente pensare a parole che evocano sentimenti, come il verbo amare, perché si attivino certe aree cerebrali. Per accendere il cervello e in particolare le zone coinvolte nella decodifica delle esperienze emotive, è necessario anche immaginare le sensazioni corrispondenti. Questo spiega anche perché per i ragazzi le prime “cotte” sono un’esperienza fortissima.

 

 
 
 

DA SAPERE

NON VALE PER GLI ADULTI
Lo stesso esperimento è stato condotto anche su un gruppo di adulti. I risultati, però, sono stati molto diversi: il loro cervello, infatti, non si accende allo stesso modo di quello dei ragazzi di fronte alle emozioni, ma in misura molto inferiore.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

Dubbi sulle date delle vaccinazioni

Le date che vengono indicate per vaccinare i bambini sono approvate dalla Comunità scientifica pediatrica, quindi non di deve temere di rispettarle.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti