Chat e sms: carenza di sonno per un ragazzo su cinque

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/03/2017 Aggiornato il 03/03/2017

I ragazzi perdono preziose ore di sonno per rispondere a chat e sms. Un’abitudine che può avere serie conseguenze sulla salute

Chat e sms: carenza di sonno per un ragazzo su cinque

Secondo una recente ricerca britannica i più giovani non riescono a staccarsi dalle attività digitali nemmeno durante la notte. Un teenager su cinque, infatti, perde preziose ore di sonno, a causa di chat e sms. E, a sorpresa, le femmine più dei maschi.

Social nemici del sonno

Un importante studio è stato condotto su oltre 900 teenager tra i 12 e I 15 anni da Sally Power, condirettore del Wales Institute for Social and Economic Research, Data and Methods (Wiserd) di Cardiff (Gran Gretagna). Stando ai dati emersi, 1 adolescente su 5 si sveglia durante la notte per rispondere a chat e sms e per utilizzare i social network. Un terzo interrompe il sonno per questo tipo di attività almeno una volta alla settimana. La tentazione di leggere gli ultimi sms arrivati è tanto forte da interrompere il sonno e crea, quindi, una vera e propria dipendenza dai dispositivi tecnologici.

Connessi e infelici

Nel corso dell’indagine al campione di giovanissimi è stato chiesto di compilare dettagliati questionari sui loro comportamenti relativamente al sonno (ore di sonno e orario di sveglia, utilizzo degli apparecchi elettronici a letto, uso notturno degli stessi, risvegli notturni e cause di questi risvegli). La ricerca evidenzia che i teenager che più frequentemente interrompono il riposo notturno per questi motivi sono anche quelli che accusano momenti di stanchezza durante la giornata (soprattutto nelle ore scolastiche, dove l’attenzione cala per il sonno perso) e che più spesso lamentano uno scarso livello di benessere e felicità.

Problemi di postura ed equilibrio

Secondo altre ricerche americane, a fare le spese di questo eccessivo attaccamento dei ragazzi ai loro smartphone sarebbe anche l’attività fisica. Parlare o mandare messaggi col telefonino durante l’esercizio può diminuire l’intensità dell’allenamento e anche influire sulla postura. Uno studio  condotto su 45 studenti di college ha mostrato, infatti, che per il 45% di loro l’invio di messaggi durante un esercizio impattava pesantemente sulla stabilità postural. Anche parlare al cellulare durante un esercizio riduce l’equilibrio per il 19% dei ragazzi, mettendoli a rischio cadute.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Sempre più giovani presentino problemi da “anziani”, cioè artrosi e mal di schiena, causati dalla sedentarietà e da una postura scorretta per l’uso prolungato di tablet e smartphone.


 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Cardirene: le donne incinte di 40 anni devono per forza assumerlo?

21/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che le ragioni di una prescrizione vanno richieste al medico che l'ha effettuata, è senz'altro possibile che in caso di gravidanza in età avanzata, anche senza particolari fattori di rischio, venga indicato l'uso dell'aspirinetta (il Cardirene) per giocare d'anticipo sull'eventuale comparsa di...  »

Lavoro tanto di giorno: di notte è bene che le mie bimbe dormano con me?

15/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Se un bimbo si è già abituato a dormire nella sua cameretta, non è opportuno privarlo di questa importante conquista per averlo accanto nel lettone. Meglio puntare sulla qualità del tempo, anche se poco, che si trascorre insieme, dedicandosi a lui amorevolmente e gioiosamente ogni volta che si può. Basterà...  »

Sulla trasmissione del gruppo sanguigno

13/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Secondo le leggi che regolano la trasmissione dei gruppo ABO, ogni soggetto eredita sia dalla madre sia dal padre un solo fattore a testa, quindi da una madre AB e da un padre 0 non possono nascere figli di gruppo AB, ma solo di gruppo A0 o B0. Nel tesserno verrà però indicata solo la A o solo la B.  »

Grosso dispiacere in gravidanza: il bimbo ne può risentire?

10/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che il feto sia protetto dalle emozioni negative che può provare la donna in gravidanza e questo vale anche quando il dispiacere è così grande da determinare addirittura qualche manifestazione fisica, come il mal di pancia.   »

Incinta a 35 anni: quali indagini è opportuno fare?

08/11/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

A prescindere dall'età materna al momento del concepimento, è opportuno che tutte le donne nel primo trimestre di gravidanza effettuino il test combinato o perlomeno la misurazione della TN (translucenza nucale), che rappresentano il metodo universale e raccomandato di screening delle anomalie fetali....  »

Fai la tua domanda agli specialisti