Cresce il numero dei baby-fumatori, rischio tumori alle stelle

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/12/2015 Aggiornato il 09/12/2015

Secondo gli ultimi dati fuma un ragazzo di 15 anni su 4. La prima sigaretta già a 11 anni. Molti i rischi sulla salute, a cominciare dalla probabilità di ammalarsi di tumore

Cresce il numero dei baby-fumatori, rischio tumori alle stelle

È allarme fumo tra i giovanissimi, la “bionda” la incontrano in tenera età, addirittura a 11 anni, e il numero è in continua crescita. Le stime parlano di un buon 25 per cento di quindicenni fumatori. Eppure, come avvertono gli esperti, il fumo di sigaretta è responsabile non soltanto del tumore al polmone, ma è in grado di attaccare anche altri organi del corpo. I numeri sono impressionanti.

Tumori: le conseguenze del fumo di sigaretta

Sono circa 100mila i casi di tumore ogni anno in Italia dovuti al fumo di sigaretta. I dati parlano chiaro: l’85-90% di quelli al polmone, il 75% alla testa e collo (in particolare a laringe e faringe), il 25-30% al pancreas. Il fumo di sigaretta è responsabile in larga parte anche del cancro della vescica, uno dei più frequenti (26 mila nuove diagnosi stimate nel 2015), con il 50-65% dei casi riconducibili a questo vizio fra gli uomini e il 20-30% fra le donne. Il fumo, inoltre, aumenta del 50% la probabilità di sviluppare una neoplasia del rene e fino a 10 volte all’esofago.

Una campagna rivolta agli under 14

L’Aiom, Associazione italiana di oncologia medica, ha promosso sul delicato tema dei “baby fumatori” la prima campagna dedicata agli adolescenti (11-14 anni) per prevenire il primo approccio alla sigaretta. “l nostro obiettivo – spiega il presidente Aiom, Carmine Pinto – è educare gli under-14 sulla pericolosità e le conseguenze del fumo. Da gennaio 2016 l’iniziativa interesserà 100 scuole medie inferiori su tutto il territorio nazionale. Coinvolgeremo testimonial sportivi e del mondo dello spettacolo”. Per dire no al fumo e prevenire i tumori.

Le attività nelle scuole

Proprio in occasione di questo evento sarà registrata una lezione-video sarà pubblicata e diffusa su un sito internet dedicato alla campagna. Tutte le scuole italiane saranno invitate a proiettare questa lezione speciale. Sarà sviluppata, inoltre, una app con giochi e quiz per illustrare ai ragazzi la pericolosità del fumo e il progetto avrà una forte ricaduta sui social network. Tutte le classi coinvolte parteciperanno inoltre a un “Campionato della salute” e sarà promosso un concorso tra gli istituti scolastici per il miglior spot e slogan contro il fumo.

 

 

 

 

 
 
 

In breve

MOLTO SPESSO “CONTAGIATI” DAI  COMPAGNI DI SCUOLA

 Troppi adolescenti accendono la prima sigaretta già a 11 anni. Infatti, per il 25% dei 15enni italiani e il 22% delle ragazze della stessa età l’abitudine al fumo inizia proprio sui banchi delle scuole medie inferiori.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti