Cuffiette e musica ad alto volume: udito a rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/08/2018 Aggiornato il 13/08/2018

Estate, tempo di concerti e musica suonata a palla. Anche l'ascolto in cuffia, però, può essere pericoloso per le orecchie, soprattutto dei bambini

Cuffiette e musica ad alto volume: udito a rischio

L’esposizione a suoni più alti di quelli permessi per legge senza le dovute precauzioni espone al rischio acufeni: si sentono fastidiosi fischi e ronzii. Ma anche ascoltare la musica in cuffia a un volume molto alto può danneggiare l’udito. E i danni possono anche essere irreversibili.

Abitudini pericolose

È quanto emerge da una ricerca brasiliana, della University of São Paulo’s Medical School, pubblicata su Scientific Reports. I ricercatori hanno intervistato e sottoposto a test dettagliati dell’udito un gruppo di 170 studenti tra gli 11 e i 17 anni, sondando anche o loro stili di vita per individuare una correlazione tra l’esposizione a luoghi rumorosi o l’ascolto prolungato di musica con le cuffiette, e i casi di acufene. È così emerso che quasi tutti I ragazzi hanno “abitudini di ascolto rischiose” alle feste, in discoteca e quando usano i lettori di brani musicali. Non a caso oltre la metà dei ragazzi, il 54,7%, 93 in totale, ha sperimentato un tinnitus (o acufene) persistente, uno dei disturbi più diffusi fra gli over 50, che fa percepire fischi e sibili nell’orecchio che è considerato un segnale di allerta per la perdita di udito.

Pericolo sottovalutato

Secondo Tanit Ganz Sanchez, autrice dello studio, gli adolescenti percepiscono l’acufene molto spesso, ma a differenza degli adulti non si preoccupano e non si lamentano con i genitori o gli insegnanti. Di conseguenza, non vengono visitati e il problema può diventare cronico. Ulteriori test hanno mostrato poi che, anche se potevano ancora sentire bene come i coetanei sani, i ragazzi con tinnitus erano più inclini a presentare una ridotta tolleranza ai rumori alti, spia di un danno ai nervi usati per elaborare il suono.

Bombardamento sonoro

Un danno “invisibile” che, però, con il passare degli anni può portare a seri problemi di udito. I ragazzi, infatti, sono esposti a suoni troppo alti fin da piccolo: a casa, in auto, alle feste e con le cuffiette, che rischia di mostrare i propri effetti decenni più tardi. Il problema, secondo i ricercatori, è che non si è ancora consapevoli dei rischi. L’unica soluzione sicura è la prevenzione, possibile solo attraverso una corretta informazione rivolta sia ai giovanissimi sia ai loro genitori.

 

 

In breve

UNA GENERAZIONE DI FUTURI SORDI

Se questa generazione di adolescenti continuerà a esporsi a livelli di rumore molto elevati, probabilmente soffrirà di perdita dell’udito già tra i 30 e i 40 anni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti