Cyberbullismo: adolescenti inconsapevoli dei pericoli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/05/2017 Aggiornato il 22/05/2017

È stata appena approvata la legge di contrasto al cyberbullismo, ma da un sondaggio è emerso che spesso gli adolescenti non si rendono conto della gravità del fenomeno

Cyberbullismo: adolescenti inconsapevoli dei pericoli

Da un’indagine condotta da Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico, è emerso un dato preoccupante. E cioè che gli adolescenti del campione, infatti, hanno dimostrato di non valutare seriamente le conseguenze della violenza.

Pericoli sottovalutati

Atti di bullismo, cyberbullismo, aggressività e selfie del proprio suicidio sarebbero giudicati in modo non negativo da sette ragazzi su dieci, all’interno del campione delle 800 persone intervistate. Quasi tutti gli intervistati hanno dimostrato di non comprendere la gravità di azioni come la violenza fisica o verbale nei confronti di un adolescente. Sottolinea Paola Vinciguerra, psicologa, psicoterapeuta e presidente Eurodap, “secondo il 70% del campione, questi atti vengono messi in atto di solito per curiosità. Secondo le risposte raccolte, chi agisce con violenza fisica e verbale su un’altra persona, chi maltratta i genitori, chi mette in pericolo la propria vita e quella degli altri, lo fa perché queste azioni danno eccitazione; oppure si mettono in pratica tanto per fare qualcosa e vedere la reazione nell’altro. Sul fronte droghe le risposte sono poi molto pericolose. La maggior parte dei giovani sostiene che usare droghe sia normale”.

Gli adulti hanno una percezione diversa

Gli adolescenti intervistati hanno affermato che queste azioni di violenza sono sempre esistite e che solo ora, nell’era di Internet, siano più conosciute. Purtroppo, solo un esiguo 30% dei ragazzi pensa che questi comportamenti siano condannabili, tendendo comunque a scaricare all’esterno la responsabilità. Tra i 25 e i 45 anni, l’80% del campione considera questi atti sicuramente negativi e pericolosi, ma li etichetta come bravate, attribuendone la responsabilità ai social media. Solo i 45 e i 65 anni, l’80% è davvero consapevole della pericolosità della violenza giovanile, pur sempre imputandola al ruolo di Internet e della scuola.

Il ruolo centrale della famiglia

Per Vinciguerra, sulla famiglia ricade la responsabilità maggiore. Spesso – sottolinea – si pensa che accudire i figli significhi proteggerli e renderli felici(), mentre in realtà “accudire i figli è farli sentire certamente amati, senza pretendere che siano quello che noi vorremmo, rispettando e sostenendo le loro caratteristiche, ma sempre in aderenza alla realtà e con l’intento di renderli autonomi”.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il disturbo di comportamento antisociale è una modalità di comportamento generalizzato nella maggior parte degli adolescenti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Mi aiutate a togliergli il pannolino?

07/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Pazienza, perseveranza, leggerezza, disponibilità servono tutte quando arriva il momento di aiutarlo a dire addio al pannolino (anche per la cacca).   »

Timore per la vaccinazione antimeningite: è fondato?

05/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

La possibilità di poter vaccinare i propri bambini contro le malattie che potrebbero causare la loro morte è un enorme privilegio, purtroppo non sempre compreso in quanto in Italia vi è una cultura sanitaria insufficiente, nonostante il nostro SSN sia tra i migliori del mondo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti