Cyberbullismo aumenta il rischio di autolesionismo

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 22/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Le vittime del cyberbullismo hanno un rischio doppio dei loro coetanei di andare incontro ad atti di autolesionismo. Ecco perché

Cyberbullismo aumenta il rischio di autolesionismo

I bambini e ragazzi presi di mira dai bulli sono doppiamente vittime: non solo perché subiscono offese, violenze, soprusi, ma anche perché nel tempo hanno un rischio maggiore di sviluppare altre problematiche. A maggior ragione quando la cattiveria nei loro confronti scorre sui canali digitali. Il cyberbullismo, infatti, sembra aumentare le chance di andare incontro ad autolesionismo. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un team di ricercatori britannici, delle università di Swansee, Birmingham e Oxford, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Medical Internet Research.

Esaminati oltre 150mila giovani

Gli autori hanno condotto una revisione accurata analizzando i dati contenuti in 33 articoli tratti da 26 studi indipendenti sull’argomento pubblicati fra il 1996 e il 2017. Complessivamente, hanno preso in considerazione oltre 156mila giovani e scoperto che chi ha subito almeno un episodio di cyberbullismo presenta il doppio del rischio di andare incontro ad atti di autolesionismo e comportamenti suicidari rispetto ai coetanei che non hanno mai subito alcuna forma di violenza e aggressività su internet.

Anche i cyberbulli corrono dei rischi

Ma gli effetti dannosi del cyberbullismo non riguardano solo le vittime. Perfino i carnefici sono a rischio. Dall’analisi inglese è emerso che coloro che perpetrano soprusi a danno di altri attraverso il web  hanno una probabilità più elevata del normale (sebbene inferiore a quella delle persone verso cui esercitano la loro aggressività) di comportamenti e pensieri suicidi.

Serve maggiore prevenzione

Alla luce di tutto ciò, gli studiosi hanno affermato che “la prevenzione e l’intervento contro il suicidio sono essenziali in qualsiasi programma anti-bullismo e dovrebbero prevedere un approccio scolastico ad ampio spettro che includa la sensibilizzazione e la formazione per il personale e per gli alunni”. Inoltre, oggi è più che mai fondamentale, organizzare delle iniziative contro il cyberbullismo.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Le vittime di cyberbullismo hanno ancora meno probabilità delle vittime di bullismo più tradizionale di segnalare e di chiedere aiuto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti