Cyberbullismo aumenta il rischio di autolesionismo

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 22/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Le vittime del cyberbullismo hanno un rischio doppio dei loro coetanei di andare incontro ad atti di autolesionismo. Ecco perché

Cyberbullismo aumenta il rischio di autolesionismo

I bambini e ragazzi presi di mira dai bulli sono doppiamente vittime: non solo perché subiscono offese, violenze, soprusi, ma anche perché nel tempo hanno un rischio maggiore di sviluppare altre problematiche. A maggior ragione quando la cattiveria nei loro confronti scorre sui canali digitali. Il cyberbullismo, infatti, sembra aumentare le chance di andare incontro ad autolesionismo. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto uno studio condotto da un team di ricercatori britannici, delle università di Swansee, Birmingham e Oxford, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Medical Internet Research.

Esaminati oltre 150mila giovani

Gli autori hanno condotto una revisione accurata analizzando i dati contenuti in 33 articoli tratti da 26 studi indipendenti sull’argomento pubblicati fra il 1996 e il 2017. Complessivamente, hanno preso in considerazione oltre 156mila giovani e scoperto che chi ha subito almeno un episodio di cyberbullismo presenta il doppio del rischio di andare incontro ad atti di autolesionismo e comportamenti suicidari rispetto ai coetanei che non hanno mai subito alcuna forma di violenza e aggressività su internet.

Anche i cyberbulli corrono dei rischi

Ma gli effetti dannosi del cyberbullismo non riguardano solo le vittime. Perfino i carnefici sono a rischio. Dall’analisi inglese è emerso che coloro che perpetrano soprusi a danno di altri attraverso il web  hanno una probabilità più elevata del normale (sebbene inferiore a quella delle persone verso cui esercitano la loro aggressività) di comportamenti e pensieri suicidi.

Serve maggiore prevenzione

Alla luce di tutto ciò, gli studiosi hanno affermato che “la prevenzione e l’intervento contro il suicidio sono essenziali in qualsiasi programma anti-bullismo e dovrebbero prevedere un approccio scolastico ad ampio spettro che includa la sensibilizzazione e la formazione per il personale e per gli alunni”. Inoltre, oggi è più che mai fondamentale, organizzare delle iniziative contro il cyberbullismo.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Le vittime di cyberbullismo hanno ancora meno probabilità delle vittime di bullismo più tradizionale di segnalare e di chiedere aiuto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Capricci: aiuto, non so gestirli!

La corretta gestione dei capricci è di fondamentale importanza sia per insegnare che esistono regole che non si possono tragredire sia per favorire la resilienza, che è la preziosa capacità di sopportare le frustrazioni e di affrontare le condizioni stressanti rimanendo il equilibrio.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti