Cyberbullismo: è emergenza a scuola!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/04/2016 Aggiornato il 26/04/2016

Si moltiplicano gli episodi di cyberbullismo fra i ragazzi a scuola, anche se i genitori non si rendono conto del problema. Minacce e insulti sul web

Cyberbullismo: è emergenza a scuola!

Si chiama cyberbullismo e, purtroppo, è un fenomeno noto già da tempo. È l’espressione dell’aggressività, lo scherno, la frustrazione e l’inadeguatezza di parte delle nuove generazioni, figlie della tecnologia, che costituisce il mezzo per assoggettare i coetanei più deboli. I bulli in questo modo trovano i mezzi per aggredire gli altri ragazzi, spesso rimanendo anonimi. Il computer, il telefonino o il tablet diventano gli scudi con i quali compiere una battaglia contro i più fragili, mentre le spade e le frecce sono sms, foto compromettenti, insulti e minacce. Secondo la Polizia Postale, nella metà delle scuole italiane ci sono stati episodi di cyberbullismo.

Più forti dietro al pc

I nuovi bulli, gli adepti del cyberbullismo, si nascondono dietro ai mezzi tecnologici. Colpire di nascosto è la loro prerogativa. Lo conferma il Censis che, in collaborazione con la Polizia Postale, ha presentato i risultati dell’indagine “Uso consapevole dei media digitali”, svolta attraverso questionari inviati nelle scuole, cui hanno risposto 1.727 presidi delle medie e delle superiori. Il 77% di essi ritiene, infatti, che Internet sia l’ambiente dove avvengono più frequentemente i fenomeni di bullismo, più che nei luoghi di aggregazione dei giovani (47%), nel tragitto tra casa e scuola (35%) o all’interno della scuola stessa (24%).

Chi sono i cyberbulli

Minacce, vessazioni, foto compromettenti, insulti: sono tanti i modi in cui il cyberbullo attacca i coetanei ritenuti più deboli. Nel 10% dei casi lo fa con il sexting, l’invio di foto o video sessualmente espliciti, e nel 3% con l’adescamento online (a volte perpetrato da un adulto). I cyberbulli sono sia maschi sia femmine, secondo il 70% dei presidi, per il 19% invece sono in prevalenza ragazze e per l’11% soprattutto ragazzi. Un ragazzo su due (il 52,7%) nell’ultimo anno è stato preso di mira almeno una volta dai bulli.

I genitori minimizzano

I genitori sembrano avere poca percezione del problema, etichettando gli episodi a dispetti tra ragazzi. L’81% dei dirigenti scolastici, infatti, ha osservato che tendono a minimizzare il fenomeno, ritenendo il bullismo digitale una sorta di scherzo tra ragazzi. Il 20% dei presidi ha denunciato una grande difficoltà da parte delle famiglie a capire esattamente le conseguenze di questo fenomeno.

Arginare il problema

“I sondaggi confermano l’importanza degli effetti della prevenzione nelle aule – ha detto il direttore della Polizia Postale, Roberto Di Legami -, ma il sistema scolastico ha grande difficoltà a dare continuità all’azione di prevenzione ed educazione. All’intervento episodico segue di rado una riflessione più stabile nelle classi”. Il 39% delle scuole ha già attuato alcune azioni mirate contro il cyberbullismo, previste dalle linee di orientamento del ministero dell’Istruzione e il 63% intende farlo nel corso di questo anno scolastico. Purtroppo però, nel 36% degli istituti, la partecipazione non va oltre la metà dei genitori e nel 59% dei casi solo pochi si presentano.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Una recente indagine l’Istat ha rilevato che un ragazzo su due (il 52,7%) nell’ultimo anno è stato preso di mira almeno una volta dai bulli e circa uno su dieci (il 9,1%) ha subito atti di bullismo con cadenza settimanale.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti