Cyberbullismo: i rischi della Rete

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/12/2017 Aggiornato il 11/12/2017

È allarme cyberbullismo per i giovani sempre più connessi a internet e social network. L’appello dei pediatri ai genitori: controllate l’uso che fanno i figli dei dispositivi digitali

Cyberbullismo: i rischi della Rete

Secondo il rapporto Istat sul bullismo tra i giovanissimi, il 5,9 per cento dei giovani denuncia di avere subìto atti di cyberbullismo. A farne le spese sono soprattutto le ragazze: 7,1 per cento rispetto al 4,6 per cento dei maschi. “Il cyberbullismo – spiega Giordano Invernizzi, professore ordinario di Psichiatria  dell’Università degli studi di Milano – è la forma di bullismo attuato attraverso la Rete, con l’invio di messaggi offensivi, immagini umilianti diffuse via mail, chat o sui social network. Si differenzia dal bullismo tradizionale perché è una prepotenza indiretta, mai faccia a faccia tra vittima e bullo. Può, tuttavia, essere potenzialmente più dannoso per la rapidità di diffusione e la possibilità di raggiungere un numero molto più elevato di spettatori”.

Sempre connessi

I dati dell’Osservatorio nazionale adolescenza confermano che il 30% della popolazione digitale ha utilizzato un telefonino di ultima generazione già a partire dai 18-24 mesi di età e,  e tra gli 11 ed i 13 anni l’età media di utilizzo della tecnologia informatica è scesa di un anno rispetto a 4-5 anni fa per quanto riguarda l’uso del primo cellulare, l’accesso a internet e l’apertura di un profilo social che si aggira intorno ai 9 anni.

Serve più attenzione dei genitori

“Il fenomeno, di per sé non è da demonizzare: sta nella normale evoluzione delle cose” – dichiara Rinaldo Missaglia, segretario generale Simpef (Sindacato medici pediatri di famiglia) -. “Certo è che deve cambiare l’attenzione che i genitori dedicano ai propri figli circa l’accesso alle tecnologie. L’evoluzione tecnologica porta con sé una serie di problematiche e pericoli che hanno come bersaglio i più giovani, facili prede per la naturale ingenuità di questa età. I genitori devono essere consapevoli che quando il proprio bambino usa un cellulare o un computer può andare su Internet, accedere alle chat e rischiare incontri potenzialmente pericolosi”.

Vita reale e realtà virtuale

Per i bambini e i ragazzi di oggi la distinzione tra vita online e vita offline  a volte è minima. Le attività che i ragazzi svolgono in Rete possono avere conseguenze anche nella loro vita reale e nel loro modo di comportarsi. Per non parlare degli effetti dell’uso precoce e della dipendenza dal cellulare e dal computer spesso sottovalutati dai genitori. Sono ormai dimostrati gli elevati rischi di disagio psicologico che può scaturire dall’eccessivo uso dei dispositivi digitali: visualizzare materiale potenzialmente traumatico o scaricare video pornografici, ricevere offerte sessuali o ancora viaggiare su siti che istigano alla violenza o all’autolesionismo.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo Telefono azzurro i casi di adescamento di minori online sono triplicati in 3 anni, passando dal 4,4 al 14,2 per cento delle segnalazioni ricevute al numero 114 di Emergenza infanzia tra il 2012 e il 2014.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti