Cyberbullismo e sexting: allarme rosso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/03/2017 Aggiornato il 14/03/2017

Il cyberbullismo viaggia attraverso il sexting, una pratica molto rischiosa. Allerta massima per i più giovani

Cyberbullismo e sexting: allarme rosso

È la tendenza dominante tra i più giovani ed è anche l’apripista per un pericolosissimo cyberbullismo: si tratta del sexting. Ovvero l’abitudine rischiosa di scambiarsi messaggi, foto e video hot con “amici” o presunti tali. Questo tipo di materiale resta disponibile virtualmente, generando a volte anche vere e proprie tragedie.

Tanti pericoli

A causa di cyberbullismo e sexting, strettamente collegati, molti adolescenti precipitano in vere e proprie spirali depressive e la disperazione, la cronaca lo testimonia, può portare anche a gesti estremi. Diventa, quindi, urgente sensibilizzare gli adolescenti ed educarli riguardo alle pericolose conseguenze di questo tipo di comportamenti.

Identikit delle vittime

Chi sono le vittime dei bulli? Gli esperti evidenziano una caratteristica comune tra le vittime di cyberbullismo: la fragilità associata a una bassa autostima. Il “gioco” del sexting inizia proprio come uno scambio malizioso di foto e video, anzi più che uno scambio spesso si tratta di una richiesta unilaterale. Quando la vittima cede, il bullo è pronto per esibire il suo trofeo, generando una sofferenza indescrivibile nella vittima e nelle persone che le sono accanto.

I segnali da osservare

Come possono i genitori capire quando un figlio è vittima di cyberbullismo? Osservando particolari segnali. Tra questi: sospensione improvvisa dell’uso dei social network, cambiamenti d’umore, disturbi alimentari e cutting (la pratica di auotinfliggersi tagli sul corpo per attutire la sofferenza emotiva con quella fisica). Rilevati i segnali e accertato il fenomeno, è necessario intraprendere un percorso comune tra famiglia e scuola, affidandosi contemporaneamente al sostegno di veri e propri esperti.

 

 
 
 

In breve

IL RUOLO DELLA SCUOLA

Già a partire dalle scuola medie, bisogna spiegare ai ragazzi i reali pericoli che può scatenare l’invio online di una foto o di un video hot, anche a una persona di cui ci si fida.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti